Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Terminal di Milano e Brescia sulla sella di lancio

    Terminal di Milano e Brescia sulla sella di lancio

    Il Piano commerciale Rfi 2021-2024 prevede il potenziamento dei terminal intermodali di Milano Smistamento e di Brescia Est. Gli interventi saranno svolti da Terminal AlpTransit, società di Mercitalia e Hupac.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Resa dei conti per i terminal container


    Il terminalismo portuale oggi non è più un grande affare. Alleanze tra vettori marittimi, domanda stagnante, elevati investimenti e gigantismo navale stanno infatti sempre più riducendo i margini di profitto dei terminal container. Il motivo lo spiega un rapporto di Drewry Maritime Research emblematicamente intitolato "Diminishing returns?", dove si legge che investire nei porti oggi non è più così conveniente com'era un tempo. Eppure, fino a qualche anno fa quest'attività era considerata molto profittevole grazie all'elevata domanda di servizi portuali da parte delle compagnie di navigazione, ma anche per le elevate barriere all'ingresso e la concorrenza locale limitata, che si traduceva in margini di guadagno (in termini di Ebitda) compresi fra il 20 e il 45%.
    "Fino al 2009 - si legge nel rapporto - le società terminalistiche chiudevano con bilanci in crescita mediamente dell'11% ogni anno mentre, dopo scoppio della crisi finanziaria, la norma sono margini ridotti al 5%. Ciò non sorprende, perché quel ritmo di crescita non poteva durare all'infinito, ma ciò che preoccupa è il recente brusco rallentamento innescato dai cambiamenti politici ed economici in Cina. Nel 2015 la crescita globale di container movimentati nei porti è stata appena dell'1% e nel 2016 probabilmente non andrà oltre il 2,5%. Cosa succederà dunque se la nuova normalità sarà rappresentata da Ebitda dimezzati rispetto agli anni successivi al 2009?".
    Un fattore di mercato determinante è il gigantismo navale, che ha portato a una crescita della portata media delle singole navi portacontainer e questo effetto a cascata dalle navi più grandi su quelle più piccole non risparmia nessuno scalo. Tutti i porti del mondo, in un modo o nell'altro, si trovano a dover lavorare navi di dimensioni più grandi rispetto al passato. In un momento di mercato contraddistinto da una domanda di trasporto stagnante, questo si traduce in minori frequenze delle toccate e dei servizi e contestualmente con picchi di movimentazioni più accentuati a ogni singolo scalo di una nave. Per i terminalisti ciò significa maggiori investimenti richiesti, in presenza di una domanda di servizi stabile nella migliore delle ipotesi.
    Non solo. La formazione (o la trasformazione) di nuove alleanze sempre più grandi fra vettori marittimi causa ai terminal un minore potere contrattuale di fronte a clienti più complessi e di dimensioni maggiori. Al tempo stesso, però, navi e alleanze più grandi devono scegliere fra un numero ristretto di porti in grado di accogliere le loro richieste e i loro servizi di linea (se non altro per ragioni infrastrutturali, di pescaggio e di attrezzature). Uno scenario in continuo mutamento che subirà ancora nuove trasformazioni in virtù delle acquisizioni e fusioni che prenderanno forma fra i liner.
    "La nuova domanda di servizi portuali conduce a terminal più grandi e con maggiore capacità di movimentazione, dunque verso un consolidamento anche fra terminal e fra terminalisti", prosegue il rapporto di Drewry, che precisa: "Questo consolidamento sul versante portuale è complicato e costoso, quindi potrebbe anche non avvenire o richiedere molto tempo per concretizzarsi". Di certo, secondo la società di consulenza inglese, è sempre più complicato per i terminal container ottenere risultati finanziari soddisfacenti in un contesto di mercato fatto di costi crescenti e ritorni non altrettanto importanti.
    Drewry, in conclusione, individua quattro possibili scenari futuri. Il primo vede le compagnie di navigazione cooperare in maniera più stretta insieme ai terminalisti per mitigare gli effetti negativi di navi e alleanze sempre più grandi. Il secondo vede i terminalisti decisi a chiedere una tariffa maggiore coerentemente agli investimenti richiesti per accogliere le maxi-navi ma i global carrier, i cui bilanci sono già sotto stress, venderanno cara la pelle.
    Il terzo scenario è quello secondo cui i maggiori terminal operator si accontenteranno di redditività più modeste e questa ipotesi porterebbe inevitabilmente all'uscita di alcuni operatori e investitori dal mercato. L'ultima alternativa è quella per cui molti terminalisti decideranno di non attrezzarsi per rimanere al passo coi tempi del gigantismo navale perché i ritorni non giustificano gli elevati investimenti da sostenere. La quarta ipotesi sarebbe quella che metterebbe chiaramente più in difficoltà i carrier, che si troverebbero ad avere una ridotta selezione di scali dove poter mandare le portacontainer di ultima generazione. "Di sicuro - concludono gli esperti di Drewry – l'industria mondiale dei terminal operator si trova a dover prendere delle decisioni perché il trasporto marittimo è arrivato a un punto di non ritorno che richiede precise scelte strategiche".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

Scania allunga la cabina dei camion stradali R e S

TECNICA

Scania allunga la cabina dei camion stradali R e S
A giugno Mercedes Trucks presenterà l’Actros elettrico

TECNICA

A giugno Mercedes Trucks presenterà l’Actros elettrico
Daf svela l’ammiraglia XG, nuova dentro e fuori

TECNICA

Daf svela l’ammiraglia XG, nuova dentro e fuori
K44 podcast: come acquistare un camion elettrico

TECNICA

K44 podcast: come acquistare un camion elettrico
Iveco rinnova l’ammiraglia stradale S-Way

TECNICA

Iveco rinnova l’ammiraglia stradale S-Way
previous arrow
next arrow
Arrestato il camionista che ha investito il sindacalista SiCobas

LOGISTICA

Arrestato il camionista che ha investito il sindacalista SiCobas
Sciopero Filt e Uiltrasporti nella logistica Lidl di Novara

LOGISTICA

Sciopero Filt e Uiltrasporti nella logistica Lidl di Novara
Nove persone a processo per caporalato nella logistica

LOGISTICA

Nove persone a processo per caporalato nella logistica
Muore investito da un camion coordinatore del SiCobas a Novara

LOGISTICA

Muore investito da un camion coordinatore del SiCobas a Novara
Brescia produce biogas liquefatto per veicoli industriali

LOGISTICA

Brescia produce biogas liquefatto per veicoli industriali
previous arrow
next arrow
Stretta di Londra sui clandestini in camion

BREXIT

Stretta di Londra sui clandestini in camion
Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia
La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico
Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale
Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio
previous arrow
next arrow
K44 podcast: più sicurezza in cabina con la video-telematica

CAMIONSFERA

K44 podcast: più sicurezza in cabina con la video-telematica
Accordo europeo sulla riforma dell’eurovignetta

CAMIONSFERA

Accordo europeo sulla riforma dell’eurovignetta
Potrebbero aumentare i pedaggi dell’A6 e dell’A10

CAMIONSFERA

Potrebbero aumentare i pedaggi dell’A6 e dell’A10
Primo passo per potenziare il nodo ferroviario di Verona

CAMIONSFERA

Primo passo per potenziare il nodo ferroviario di Verona
Divieto per i camion Adr sul tratto milanese dell’A4 fino al 2023

CAMIONSFERA

Divieto per i camion Adr sul tratto milanese dell’A4 fino al 2023
K44 videocast: annullate multe per velocità da cronotachigrafo

CAMIONSFERA

K44 videocast: annullate multe per velocità da cronotachigrafo
Il Lazio finanzia corsi per autisti di camion

CAMIONSFERA

Il Lazio finanzia corsi per autisti di camion
Rfi adegua ferrovia Bologna Padova per semirimorchi

CAMIONSFERA

Rfi adegua ferrovia Bologna Padova per semirimorchi
Nuova ferrovia Napoli-Bari tutta in cantiere entro il 2021

CAMIONSFERA

Nuova ferrovia Napoli-Bari tutta in cantiere entro il 2021
La superstrada Fipili sarà vietata ai camion?

CAMIONSFERA

La superstrada Fipili sarà vietata ai camion?
Due camionisti arrestati per avere 76 migranti nel semirimorchio

CAMIONSFERA

Due camionisti arrestati per avere 76 migranti nel semirimorchio
Deroghe al divieto di guida di veicoli con targa estera

CAMIONSFERA

Deroghe al divieto di guida di veicoli con targa estera
Approvato progetto del lotto Alba-Roddi dell’A33

CAMIONSFERA

Approvato progetto del lotto Alba-Roddi dell’A33
Multa di 4000 euro per falsa autorizzazione al trasporto

CAMIONSFERA

Multa di 4000 euro per falsa autorizzazione al trasporto
Il Pnrr non aiuta trasporto merci per ferrovia

CAMIONSFERA

Il Pnrr non aiuta trasporto merci per ferrovia
previous arrow
next arrow