Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Nuovo progetto di porto d’altura a Venezia


    A Venezia è emerso, quasi a sorpresa, il progetto di un nuovo terminal container d'altura destinato a sorgere al largo di Chioggia e differente rispetto all'avveniristico porto offshore fortemente sponsorizzato dal precedente presidente dell'Autorità portuale, Paolo Costa, perché meno costoso, interamente finanziato da soldi privati ed economicamente più sostenibile. A sottoporlo a Valutazione d'impatto ambientale presso il ministero dell'Ambiente è stata la società Vgate, ugualmente partecipata dall'agente marittimo veneziano Alessandro Santi (che ne è anche il legale rappresentante), dall'architetto Cristiano Paro (studio P4) e da Eric Wilmer Aguilar (Agr Consultancy). Quest'opera definita "Terminal Plurimodale d'Altura VGATE" si collocherà secondo le intenzioni a circa 2,3 km dalla costa, su fondali di profondità superiore ai 16 metri e sarà collegata alla terraferma tramite due viadotti su cui si svilupperanno i collegamenti infrastrutturali stradale e ferroviario.
    Il progetto, secondo quanto si legge nella documentazione pubblicata sul sito del ministero dell'Ambiente, prevede la realizzazione di una diga foranea lunga 3,84 chilometri al cui interno troverà spazio un terminal container in grado di ospitare contemporaneamente due navi portacontainer di ultima generazione con capacità fino a 18mila teu. Lungo la banchina, che ha uno sviluppo modulare (una lunghezza di 1,35 chilometri nella prima fase, aumentabile fino a 2,45 chilometri in una terza fase) troveranno posto i sistemi di sbarco e di movimentazione a piazzale altamente specializzato. Il nuovo terminal Vgate è stato progettato per raggiungere in una prima fase (entro i primi cinque anni dall'attivazione) una capacità di movimentazione pari a 500mila teu l'anno, nella seconda fase 1,2 milioni di teu/anno e in un'ipotetica terza fase (dopo dieci anni d'attività) la capacità aumenterebbe a due milioni di teu, ma richiederebbe un potenziamento del viadotto stradale e ferroviario con la penisola.
    Nell'analisi economica si evidenzia inoltre che, "a differenza di altri progetti proposti nel recente passato, il disegno integrato del terminal d'altura Vgate è collegato a un ponte marittimo per la circolazione di camion e treni che risolverà la problematica della rottura del carico causato della mancanza di sufficiente fondale nel porto di Venezia per ricevere le grandi navi portacontainer richieste dal mercato di oggi, permettendo prestazioni competitive che saranno comparabili a quelle dei migliori terminali container al mondo".
    Nella documentazione si legge ancora che "il terminal d'altura fornirà la prima fase di manipolazione dei contenitori dalle navi portacontainer proveniente d'Asia con un sistema terminalistico di ultima generazione altamente automatizzato che offrirà uno stoccaggio di breve giacenza dei contenitori che poi saranno trasferiti via camion, treni e chiatte per i depositi a lunga giacenza situati in diversi interporti nell'entroterra del porto per un secondo eventuale deconsolidamento più vicino agli utenti finali della la catena logistica (funzione di gateway)".
    Il cronoprogramma del progetto prevede che nel triennio 2019-2021 vengano espletate le fasi di autorizzazione dell'opera, nel quinquennio 2022-2026 venga portata a termine la costruzione del terminal d'altura e delle opere accessorie e che venga realizzata la procedura di gara per la gestione del nuovo porto. Nel 2027 diverrebbe operativa la prima fase del progetto.
    La realizzazione del terminal plurimodale d'altura avverrebbe con il ricorso a una procedura di finanza di progetto e, sottolinea Vgate, "nell'ambito di tale strumento si è provveduto a valutare che non è necessario alcun contributo pubblico". L'investimento stimato si aggirerebbe fra 1 e 1,5 miliardi di euro. Al paragrafo "Aumento selettivo della capacità portuale" si legge infine che "il programma prevede, laddove necessario in coerenza con la visione strategica delineata in precedenza, un aumento selettivo della capacità portuale nei segmenti Ro-Ro e container".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    La Commissione Europea ha diffuso uno studio che mostra come l’obbligo di rientro in sede dei camion che svolgono autotrasporto internazionale dopo otto settimane, previsto dal Primo Pacchetto Mobilità, può aumentare l’impatto ambientale del trasporto. Vero problema o manovra politica per modifiche? Ne parla Paolo Cesaro in questo podcast di …

Mare

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Conftrasporto contro cambio di nome del ministro Trasporti

LOGISTICA

I Trasporti escono dal ministero dei Trasporti

LOGISTICA

Cinque arresti per frode fiscale su pallet a Verona

LOGISTICA

Il camion a idrogeno Nikola sarà venduto dal 2023

LOGISTICA

Sciopero autisti Amazon in Toscana e Piemonte
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider