Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Nessuna offerta per Piattaforma Europa di Livorno


Il 30 novembre 2019 è scaduto il termine che l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale aveva fissato per la presentazione da parte di soggetti privati di proposte per costruire e gestire nuovo terminal container previsto nella fase 1 della nuova Piattaforma Europa. Né Msc, né Gruppo Investimenti Portuali (Gip), né Spinelli né altri soggetti terminalisti che in passato avevano manifestato il proprio interesse si sono fatti avanti. Fra questi solo Gip, che già controlla nello scalo labronico il Terminal Darsena Toscana, l'anno scorso aveva depositato un progetto non vincolante, ma non è andato oltre. Il costo delle opere della prima fase della Piattaforma Europa è di circa 870 milioni di euro, di cui 540 milioni proverrebbero da fondi pubblici e 330 da privati, e il tempo previsto per la realizzazione è di circa quattro anni dall'approvazione del progetto che dovrebbe prendere forma in project financing. Il costo dell'intera opera complessiva è stato stimato in circa 1,3 miliardi di euro.
La prudenza (o la rinuncia) da parte degli investitori si spiega con diverse ragioni. Gip scommetterà sul terminal che sorgerà nella nuova Piattaforma Europa solo se avrà garanzia che potrà essere l'unico del porto autorizzato a movimentare container. Cosa, questa, non scontata perché negli ultimi mesi ha tenuto banco la polemica sorta attorno all'autorizzazione rilasciata dall'Autorità portuale al Terminal Lorenzini (partecipato al 50% da Msc) per movimentare una quota di container non più minoritaria rispetto al totale dei suoi traffici, aprendo di fatto alla nascita di un secondo terminal per l'imbarco e sbarco dei contenitori in porto. Oltre a ciò, sempre secondo quanto è stato possibile ricostruire, un altro grosso ostacolo per i privati sono i costi dell'operazione che fino ad oggi risultano ancora incerti per la parte pubblica nonostante le recenti rassicurazioni della ministra dei Trasporti, Paola De Micheli.
A ciò si aggiunga che la nuova opera andrebbe a intercettare flussi di traffico che transitano da Genova, Vado Ligure, La Spezia e dalla stessa Livorno perché non è pensabile attirare volumi di container da e per il resto d'Europa. Fra gli addetti ai lavori, dopo le difficoltà illustrate negli anni passati dall'iter dell'opera, sono in pochi a scommettere sulla sua futura fattibilità. Nel frattempo però dall'Autorità portuale toscana dicono avanti tutta sulla progettazione preliminare delle opere marittime di difesa e delle attività di dragaggio della Darsena Europa. Il costo previsto per questi lavori è 260 milioni di euro.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    Falso allarme sull’aumento delle accise gasolio per camion

    I giornali di agosto hanno lanciato l'allarme sull’aumento delle accise sul gasolio e Conftrasporto minaccia il fermo dell’autotrasporto. Ma per ora è solo un’ipotesi di lavoro del ministero dell’Ambiente, che comunque escluderebbe i veicoli industriali.

Logistica

Mare

  • Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    Collaborazione tra i porti di Venezia e Amburgo

    L’ Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale ha avviato una collaborazione con alcuni enti italiani e tedeschi per sviluppare tecnologie terminalistiche e doganali col porto di Amburgo.