Primo piano

  • La svolta di Ceva in Italia

    La svolta di Ceva in Italia

    Dopo l'acquisizione da parte della compagnia francese Cma Cgm, la filiale italiana della multinazionale della logistica annuncia un piano di sviluppo triennale e un rinnovo dell'apparato dirigente.  

Podcast K44

Normativa

Via libera al salvataggio dell’Interporto di Bari


Dalla competente sezione fallimentare del Tribunale di Bari è arrivato il definitivo via libera al salvataggio d'Interporto Regionale della Puglia e della sua controllante Italfinance, cassaforte della famiglia barese Degennaro. I giudici hanno omologato due accordi di ristrutturazione del debito che prevedono la cessione della struttura interportuale per 41 milioni di euro a un fondo immobiliare gestito da Prelios Sgr, che sarà sottoscritto per intero dal fondo americano Tpg Sixth Street, mentre la famiglia Degennaro manterrà la gestione operativa della struttura.
Interporto Regionale della Puglia è la società che a Bari ha costruito e gestisce su un'area di circa 440mila metri quadrati magazzini e uffici dedicati agli operatori del settore logistico. Una parte di questo complesso, circa 75mila metri quadrati, è occupata da uno scalo ferroviario scarsamente utilizzato e di proprietà di RFI. Negli anni scorsi l'azienda ha dovuto fare i conti con difficoltà finanziarie crescenti, tanto che attualmente i debiti ammontano a 122 milioni di euro.
Nel dettaglio, Interporto ha stipulato gli accordi di ristrutturazione del debito con 36 creditori (pari al 76,5% dei 95 milioni di debiti), mentre la controllante Italfinance ha chiuso accordi con 24 creditori (il 93,7% dei 27,1 milioni di debiti), abbattendo da 122 a 51,2 milioni l'esposizione debitoria. I maggiori creditori sono le banche (Mps, Banca Marche, Bpb e Bpm, per un totale di 69,6 milioni di euro), ma anche la Regione Puglia (che deve essere rimborsata dei fondi per i lavori non effettuati per circa 4,5 milioni di euro), il Comune di Bari (per l'Ici non pagata) e l'Agenzia delle Entrate.
Parte del denaro per ripagarli arriverà dai 41 milioni messi a disposizione da Prelios-Tpg, il resto dai flussi di cassa (i canoni di fitto della struttura, circa 4 milioni l'anno) e da risorse proprie della famiglia Degennaro. Il salvataggio di Italfinance sarà invece finanziato con la cessione al fondo di Prelios (per 3,8 milioni) di un suolo nel centro commerciale di Casamassima, ma anche con la rinuncia dei fratelli Degennaro a propri crediti personali per 1,7 milioni.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Mare

  • Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    Fusione Psa-Sech a Genova rinviata all’Avvocatura di Stato

    L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale annuncia il rinvio all’Avvocatura di Stato del dossier sulla fusione tra i terminal container di Psa Pra’ e Sech, dopo non avere ricevuto una risposta dal ministero dei Trasporti.