Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Come sarà adeguata la ferrovia del Sempione

Con il cambio orario di metà dicembre 2020 e l’entrata in esercizio della galleria di base del Ceneri, si conclude la realizzazione della nuova ferrovia transalpina attraverso la Svizzera, conosciuta come progetto AlpTransit. A essere precisi si tratta di una prima fase, individuata con lo scopo di ottenere una “ferrovia di pianura” attraverso le Alpi, rinviando alcuni interventi e il quadruplicamento completo tra Chiasso e il nord della Svizzera. Stappata a dicembre la bottiglia di spumante, si partirà subito con nuovi cantieri, sia in Svizzera, sia in Italia. In particolare, il 3 settembre 2020 è stato sottoscritto un accordo tra Svizzera e Italia per una serie di interventi sull’asse del Lötschberg-Sempione.

Dopo aver investito, a fondo perduto, i primi 120 milioni di euro lungo la linea internazionale di Luino (e quindi verso il Gottardo), il Governo elvetico si appresta a destinare ulteriori 134,5 milioni per adeguare anche l’itinerario che riguarda Domodossola e il Sempione. La motivazione è molto semplice: con il dicembre 2020 si concludono puntualmente tutti gli interventi, ma solo quelli essenziali, previsti per adeguare i corridoi alpini per i treni merci intermodali senza limiti di sagoma e di lunghezza standard. Si tratta quindi di opere indispensabili, portate a conclusione, ma realizzate a macchia di leopardo. Per esempio, è stato escluso nella prima fase l’adeguamento piuttosto impegnativo della linea Arona-Stresa-Domodossola in quanto già disponibile la quasi parallela linea Novara-Borgomanero-Domodossola, seppur a singolo binario.

Gli interventi previsti ora riguardano quasi esclusivamente quello noto come “corridoio dei quattro metri”, che permette di trasportare su rotaia semirimorchi stradali con altezza agli spigoli di quattro metri e larghezza fino a 2,60 metri da Basilea a Chiasso e Luino, senza interruzione fino ai terminal di trasbordo nell’Italia del nord. Dopo aver adeguato già nei primi anni Duemila il tunnel storico del Sempione, i lavori tra il portale sud e Domodossola sono stati completati solo su uno dei due binari di corsa. Ora l’adeguamento avverrà su ulteriori segmenti. Verrà contestualmente raddoppiata anche la tratta di 2,5 chilometri tra lo scalo di Domo II e Domodossola.

Ma i lavori più impegnativi riguardano la linea tra Domodossola e Arona che a sud si dirama nei due itinerari di Sesto Calende e Novara. Qui, oltre a eliminare ostacoli per la sagoma sulle tratte a cielo aperto, come segnali, pensiline e linee di contatto, occorre intervenire su dodici gallerie che messe insieme raggiungono una lunghezza che sfiora i sei chilometri e che dovranno essere portate tutte al profilo P/C 80. Numerosi anche gli interventi previsti nelle stazioni per favorire l’incrocio dei treni merci. Obiettivo dell’intesa tra Italia e Svizzera è terminare i lavori entro il 2028 per un importo complessivo di 237,5 milioni di euro, dei quali 134,5 messi a disposizione da Berna a fondo perduto.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Il costruttore tedesco Krone presenta una piccola unità di carico che si può trasportare con veicoli da 3,5 tonnellate, destinata alla distribuzione nell'ultimo miglio in ambito urbano.

Logistica

  • Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Il Gruppo ferrovie dello Stato sta valutando l’idrogeno come alimentazione alternativa al gasolio nei locomotori che non si possono collegare alla rete elettrica. Firmato un protocollo di ricerca con Snam.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.