Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Austria fermerà camion sotto Euro VI al Brennero


Vienna ignora le proteste dei Governi italiano e tedesco sulle restrizioni attuate ai veicoli industriali lungo l'asse del Brennero, anzi rilancia con un nuovo divieto, già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Tirolo. Dal 31 ottobre 2019, i veicoli con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate e con motori Euro IV non potranno viaggiare sul tratto compreso tra Kufstein e Zirl dell'autostrada A12 dal 31 ottobre 2019 e questo divieto sarà esteso dal 1° gennaio 2021 ai veicoli con motori Euro V ed EVV. Perciò, da quella data potranno viaggiare solo i diesel Euro VI, almeno fino al prossimo divieto. Il Tirolo esonera dal divieto i veicoli che saranno diretti ai terminal ferroviari di Hall (direzione est) e Wörgl (direzione ovest) e alcuni veicoli con allestimenti speciali, come betoniere, autopompe per calcestruzzo, spurghi, soccorso stradale e autogrù.
La deroga vale anche per i veicoli che devono caricare o scaricare in alcune aree. Tale deroga riguarda i Comuni di Imst, Innsbruck, Kufstein e Schwaz e un'area compresa tra Lienz, Rosenheim, la Val Pusteria e l'Alta Val Isarco. In questo caso, però, la deroga ha una scadenza sulla base della classe Euro del camion. Per le motrici isolate le scadenze della deroga sono: Euro 3 fino al 31 dicembre 2019, Euro IV fino al 31 dicembre 2020 ed Euro V fino al 31 dicembre 2022. La deroga vale anche per i complessi con rimorchio o semirimorchio e motore Euro IV fino al 31 dicembre 2020 e con motore Euro V fino al 31 dicembre 2022.
Questa estensione dei divieti appare in concomitanza con l'incontro a Bruxelles tra i rappresentanti di Italia, Austria e Germania, della Provincia di Bolzano e del Land Tirolo, avvenuto l'8 luglio proprio per discutere i limiti al traffico lungo l'asse nord-sud. La politica austriaca di limitazione al traffico è appoggiata anche dalla Provincia autonoma di Bolzano, anche se con modalità diverse, come ha dichiarato l'assessore alla Mobilità Daniel Alfreider: "In futuro, sotto il coordinamento europeo, il traffico nella tratta Monaco-Verona andrà dosato. La nostra richiesta è che le regioni coinvolte, in accordo con l'Ue e gli stati nazionali, possano adottare misure concrete per favorire lo sviluppo della mobilità sostenibile e il trasferimento delle merci dalla gomma alla rotaia. Per tutto questo ci vogliono investimenti in molti ambiti e ci vuole però un nuovo tipo di offerta anche per ridurre anche il numero di automobili private sul'A22".
A Bruxelles, i rappresentanti italiani e tedeschi hanno ribadito l'opposizione alla politica restrittiva austriaca, ripetendo quello che da tempo sostengono, ossia che il Brennero è il principale asse degli scambi commerciali tra nord e sud. Un passo in avanti potrebbe essere l'avvio d'incentivi per l'acquisto di veicoli industriali meno inquinanti e per il trasferimento di unità di carico dalla strada alla rotaia, anche se in quest'ultimo caso l'attuale asse ferroviario è inadeguato. Bisogna perciò aspettare l'apertura della galleria di base del Brennero, prevista per il 2026.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.