Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Per affrontare la carenza di autisti, l’organizzazione mondiale dell’autotrasporto Iru chiede ai Governi di abbassare l’età per ottenere le patenti e le certificazioni per autista di veicoli industriali a diciotto anni.

Podcast K44

Normativa

Nuove tappe verso un’unica ferrovia merci europea

L’Unione Europea si avvicina a festeggiare i trent’anni dal trattato di Maastricht, ma quella ferroviaria delle merci è ancora in parte da costruire. A dire il vero non sono mancati regolamenti e direttive, in primo luogo i quattro Pacchetti ferroviari che hanno unificato norme tecniche e procedure, ma le varie amministrazioni nazionali hanno mantenuto sempre una loro specificità e un loro perimetro di competenze che di fatto non ha mai fatto decollare un vero, unico, mercato ferroviario delle merci. È quanto hanno preso atto i ministri dei Trasporti di tutti i paesi dell’Unione europea riuniti a fine settembre 2020 a Berlino nell’approvare quella che è stata definita una “dichiarazione formale” per “sostenere il trasporto ferroviario merci internazionale e rafforzare ulteriormente i corridoi ferroviari”. Ora resta da verificare se tutto ciò che è stato stabilito sulla carta verrà tradotto nella realtà, ma le indicazioni sono chiare, condivise dagli operatori, e sicuramente risolutive.

Per prima cosa i gestori dell’infrastruttura dovranno arrivare a un “progetto di integrazione dell’orario dei treni merci”, in modo da ottenere un’unica visione del traffico internazionale e non a una somma di singoli trasporti più o meno coordinati. Questo favorisce più flessibilità e tempestività nell’adattare i trasporti alla capacità infrastrutturale. Alla base di tutto ci deve essere la condivisione digitale delle informazioni sui movimenti con tempi certi, anche se stimati, di partenza e di arrivo dei treni. I centri nazionali di gestione del traffico devono cooperare in modo standardizzato, come avviene con le aerolinee. Il trasporto merci deve avere quindi la stessa dignità di quello passeggeri, come tracce nell’orario e capacità dell’infrastruttura.

Un passo avanti importante è stato quello dell’istituzione dell’Agenzia dell’Unione europea per le ferrovie (Era), operativa dal 2006, che deve sempre più essere protagonista nell’armonizzazione tecnica e operativa per migliorare la competitività del trasporto merci su rotaia, mentre tutti i paesi comunitari dovrebbero cooperare per superare tutte le norme nazionali inutili nel caso siano già contemplate nelle Tsi, le Specifiche tecniche di interoperabilità.

Avanti a tutta forza nell’estensione del segnalamento europeo unificato Etcs: a livello nazionale va sostenuto lo sforzo per aggiornare le unità di bordo di treni e locomotori. Nella “dichiarazione formale” dei ministri europei non manca anche un accenno a un tema di stretta attualità tecnica, quello dell’accoppiamento automatico digitale e della preparazione assistita dall’automazione dei treni: per la prima volta viene definita “una delle principali priorità” con l’obiettivo di concordare uno standard e una strategia unica a livello comunitario per definire la migrazione verso queste nuove tecnologie entro il 2022. Positivi i giudizi espressi dalle associazioni del settore ferroviario e dalle altre parti interessate: siamo sulla strada giusta.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Il terminal container PSA Pra’ del porto di Genova ha messo in servizio due gru di ferrovia, che hanno richiesto un investimento di sette milioni di euro. Contribuiscono ad aumentare il trasporto su rotaia dei contenitori.