Array ( [0] => 26 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Le ferrovie europee parlano dialetti diversi


    Il sistema di segnalamento ferroviario europeo rischia di parlare sì una sola lingua, ma tanti dialetti diversi. La tecnologia conosciuta con le sigle Ertms-Etcs, voluta per unificare i sistemi di comunicazione e sicurezza di tutta la rete europea non è immune dal campanilismo e dalle gelosie dei vari paesi. Le caratteristiche di base solo le stesse, ma poi le specifiche sono adattate alle singole realtà per seguire esigenze del tutto peculiari e non unificate. Anche perché manca un organismo forte a livello europeo che possa dettare le regole, uguali per tutti.
    A portare il discorso sui binari della realtà, è proprio il caso di dire, lontano da facili entusiasmi, è Giuseppe Gaudiello, presidente di Assifer, l'Associazione delle industrie ferroviarie in occasione del suo intervento nella giornata di apertura il primo ottobre di Expo Ferroviaria 2019 a Milano. In questa occasione, RFI, Rete ferroviaria italiana, ha celebrato i dieci anni di Alta Velocità in Italia che coincidono anche con il decennio in cui è stato sviluppato e implementato per la prima volta in assoluto in tutto il continente il sistema di segnalamento europeo Ertms-Etcs. Un primato tutto italiano e un'eccellenza tecnologica ma che, paradossalmente, rischia di pagare lo scotto di chi è arrivato prima. Le altre amministrazioni ferroviarie europee stanno traguardando questo appuntamento solo in questi ultimi anni, per non dire mesi, ma con specifiche non del tutto allineate.
    Un vero impegno per l'industria del settore che è costretta a inseguire esigenze particolari, con aggravi di costi di sviluppo, di implementazione e di realizzazione. Ma soprattutto con il rischio che non sia più sufficiente dotare i locomotori che percorrono la rete ferroviaria europea di un apparato di bordo unificato, tale da rendere le ferrovie veramente interoperabili. Curiosamente, come è stato fatto notare al convegno Expo, c'è da chiedersi che cosa succederà quando i nuovi tunnel di base, come il Brennero o il Moncenisio, saranno operativi? In una metà della galleria ci sarà l'Ertms che parla il dialetto italiano e dall'altra quello che parla l'idioma francese o austriaco?
    Comunque sia, in occasione di Expo Ferroviaria, RFI ha confermato il nuovo indirizzo strategico in linea con il Piano industriale 2019-2023 che è quello di accelerare l'implementazione del sistema Ertms su tutta la rete. L'obiettivo è di attrezzare 1250 km di linee entro il 2021 e 3200 km entro il 2023 oltre a rinnovare 320 apparati centrali con la tecnologia digitale. Questa scelta è dettata da ragioni di opportunità e di risparmio in modo da far convivere il meno possibile le due tecnologie, abbattendo i costi di gestione e manutenzione che in caso contrario risulterebbero raddoppiati.

    Piermario Curti Sacchi

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    K44 podcast: la riforma dell’autotrasporto UE inquina?

    La Commissione Europea ha diffuso uno studio che mostra come l’obbligo di rientro in sede dei camion che svolgono autotrasporto internazionale dopo otto settimane, previsto dal Primo Pacchetto Mobilità, può aumentare l’impatto ambientale del trasporto. Vero problema o manovra politica per modifiche? Ne parla Paolo Cesaro in questo podcast di …

Mare

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Conftrasporto contro cambio di nome del ministro Trasporti

LOGISTICA

I Trasporti escono dal ministero dei Trasporti

LOGISTICA

Cinque arresti per frode fiscale su pallet a Verona

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider