Primo piano

Podcast K44

Normativa

Scontro tra Cobas e Confederali sul CCNL corrieri


Si scalda il fronte della logistica, ma in questo caso non per vertenze tra lavoratori e imprese tra sigle sindacali. Non è la prima volta che quelle di base si scontrano con i confederali su questo terreno, scontro che in alcuni piazzali è diventato anche fisico. Ora la questione è diventata nazionale e riguarda il contratto di lavoro siglato negli anni scorsi con la Fedit dal SiCobas per alcune importanti corrieri – tra cui Fedex-Tnt, Brt, Gls e Sda – che è scaduto il 31 marzo 2018. in occasione di tale scadenza, il SiCobas ha inviato alle associazioni datoriali un documento che contesta il rinnovo del CCNL Logistica, Trasporto merci e Spedizioni siglato dai confederali lo scorso dicembre e riapre il confronto do Fedit per il rinnovo del proprio contratto. Secondo una nota del SiCobas, anche Confetra avrebbe accettato di sedersi al tavolo della trattativa. In una nota diffusa il 5 luglio, il sindacato spiega che "dobbiamo registrare purtroppo che, da parte di Confetra - la quale ha accampato come scusante l'avvio di una vertenza con XPO per un licenziamento politico contro un delegato del Si Cobas - di fatto, la disponibilità annunciata si è limitata alle parole, mentre nei fatti ha chiuso ogni relazione facendo perdere tempo alla trattativa", aggiungendo che "è chiaro a questo punto che il rapporto con Confetra e con le sue associate va riportato interamente su un piano conflittuale".
Quindi è rimasta aperta la porta di Fedit, cui il SiCobas ha comunicato che "sui punti fondamentali della piattaforma che abbiamo presentato, con particolare riferimento agli aspetti di criticità che abbiamo rilevato sul CCNL, al criterio dell'anzianità per il passaggio al 4° S per i facchini, all'allargamento dell'integrazione per malattia laddove non è ancora previsto, all'introduzione di criteri condivisi per l'erogazione di premi di risultato e all'avvio di una prima stesura di accordi per i drivers, i margini di trattativa possono riguardare solo la tempistica ma non la sostanza delle rivendicazioni".
A questo punto intervengono i sindacati confederali, che l'11 luglio 2011 inviano una lettera a Confetra e Fedit chiedendo un incontro urgente proprio sulla vertenza del SiCobas. I confederali scrivono di avere appreso, tramite informazioni apprese nei luoghi di lavoro, che le due associazioni datoriali "starebbero realizzando un percorso negoziale con alcune sigle sindacali non stipulanti il CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizione", un comportamento ritenuto "estraneo a corrette modalità di confronto" sulla base degli impegni assunti nel rinnovo del CCNL, "nonché di quanto condiviso rispetto a legalità e trasparenza nell'ambito degli incontri sugli appalti e la logistica tenuti presso il ministero dello Sviluppo Economico, e di quanto previsto dagli accordi sottoscritti con le più importanti aziende associate". Oltre a chiedere l'incontro, i confederali si riservano "di attivare ogni forma di mobilitazione in merito che ritenessero necessaria".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    La sospensione dei viaggi passeggeri sui traghetti causata dell’emergenza sulla Covid-19 può causare entro breve tempo il dissesto finanziario delle compagnie di navigazione, fermando anche il traffico merci. Assarmatori lancia l’allarme.