Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Le Ferrovie svizzere nell’Unione Europea


Storicamente è sempre stata fuori dall'Europa comunitaria, ma di fatto sempre più inclusa nell'Europa. Mentre con la Brexit si intendono tagliare i ponti, la Svizzera li vuole rafforzare. Anche in campo ferroviario. Il Consiglio Federale (organo esecutivo di governo della Confederazione) si è espresso a favore di una stretta armonizzazione tra le norme nazionali e le procedure europee. E lo ha fatto adottando a novembre 2019 una modifica dell'ordinamento ferroviario. Tradotto in altre parole, questo provvedimento apre la strada al recepimento di quello conosciuto come Quarto Pacchetto ferroviario europeo (con la definitiva liberalizzazione e integrazione dello spazio comunitario) e in particolare di quello che viene indicato come "pilastro tecnico" (direttive UE 797 e 798/2016). Da metà giugno 2019 la competenza per le omologazioni del materiale rotabile utilizzato nel traffico transfrontaliero è stata assunta dall'Agenzia ferroviaria europea (ERA) che rilascia anche un certificato unico di sicurezza. Così, per ottenere l'omologazione in più Paesi, le imprese ferroviarie e quelle del materiale rotabile possono inoltrare una sola domanda all'ERA con vantaggi sui tempi e sui costi.
Per il Consiglio Federale svizzero è importante che il trasporto ferroviario internazionale non incontri ostacoli, soprattutto con l'obiettivo di rafforzare il trasferimento del traffico merci transalpino dalla strada alla rotaia. E questo comporta il recepimento del "pilastro tecnico" del Quarto Pacchetto ferroviario comunitario. Già fissate con precisione le tappe. Entro fine 2019 verranno armonizzate le procedure svizzere ed europee per il rilascio del certificato di sicurezza e l'omologazione per la circolazione internazionale (e qui rientra la modifica dell'ordinamento ferroviario ora adottata e da integrare con una delibera del Comitato misto Svizzera-Europa sull'Accordo per i trasporti terrestri). Subito dopo il Consiglio Federale intende sottoporre al Parlamento la richiesta per adeguare la legge federale sulle ferrovie e recepire quindi integralmente nel diritto svizzero il pilastro tecnico del quarto pacchetto ferroviario comunitario.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Si scalda la vertenza sulle accise Euro 3 per camion

    Si scalda la vertenza sulle accise Euro 3 per camion

    Dal 1° ottobre i veicoli industriali equipaggiati con motore Euro 3 non potranno beneficiare della riduzione parziale delle accise sul gasolio e le associazioni dell’autotrasporto chiedono un rinvio, minacciando il fermo.

Logistica

  • Walmart ordina 130 camion elettrici Tesla

    Walmart ordina 130 camion elettrici Tesla

    La filiale canadese del colosso statunitense della Gdo Walmart ha ordinato a Tesla 130 trattori stradali elettrici, nell’ambito di un programma che prevede l’obiettivo delle zero emissioni di CO2 entro il 2040.

Mare

  • Il porto di Amburgo acquisisce un terminal a Trieste

    Il porto di Amburgo acquisisce un terminal a Trieste

    La società Hamburger Hafen und Logistik, che gestisce il porto di Amburgo, ha acquisito la maggioranza del capitale del terminal multifunzionale Piattaforma Logistica Trieste, ponendo così una testa di ponte nell'Adriatico. Nel 2021 entrerà in funzione un nuovo terminal per container e rotabili.