Array ( [0] => 9 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Finanza scopre uso illegale di camionisti stranieri a Livorno


Ci sono voluti due anni di perquisizioni, accertamenti bancari e analisi di documenti, collaborando anche con le Autorità portoghesi, ma alla fine i Finanzieri hanno concluso l'operazione Lusitania, che ha portato alla denuncia di un livornese di 70 anni, amministratore unico di una società di autotrasporto di Livorno (di cui la Guardia di Finanza non rivela il nome). L'elenco delle accuse comprende l'omessa denuncia di lavoratori, la frode fiscale e il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, reati avvenuti tra il 2007 e il 2013.
Secondo gli inquirenti, l'autotrasportatore, in collaborazione con altre cinque persone, avrebbe utilizzato due società di comodo con sede a Lagoa, in Portogallo, che hanno assunto sessantuno autisti, di cui 57 extracomunitari (moldavi, georgiani, ucraini e russi). Seppur formalmente assunti in Portogallo, questi autisti avrebbero lavorato in un rapporto di subordinazione per la società di autotrasporto livornese che, secondo gli inquirenti, "ne ha sempre curato i rapporti gestionali e finanziari".
I Finanzieri hanno appurato che l'utilizzo "strumentale" delle società portoghesi è avvenuto "mediante la stipula di scritture private e simulati contratti di distacco, con conseguenti false fatturazioni". Molte di queste fatture sono state pagate in contanti, con importi anche superiori a 200mila euro, che la Finanza definisce una "modalità insolita, soprattutto se riferita a transazioni tra società residente in Paesi diversi".
L'accusa parte dalla convinzione che questo meccanismo aggirerebbe la normativa comunitaria del distacco transnazionale del personale, ma violerebbe anche la disciplina dell'immigrazione perché gli autisti avevano un permesso di soggiorno portoghese, che consentiva loro di svolgere solo trasporto internazionale tra Portogallo e Italia.
La Guardia di Finanzia ha stimato un danno patrimoniale all'Inps e all'Inail di 15 milioni di euro, corrispondente ai contributi previdenziali e assistenziali non versati ai conducenti per sette anni e un omesso versamento d'imposte di 530mila euro. Ovviamente, questo meccanismo causava anche l'alterazione della concorrenza, perché i minori costi degli autisti consentivano all'azienda livornese di attuare tariffe inferiori rispetto agli altri autotrasportatori. Oltre alla denuncia, i Finanzieri hanno eseguito un sequestro preventivo di beni.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Il terminal container PSA Pra’ del porto di Genova ha messo in servizio due gru di ferrovia, che hanno richiesto un investimento di sette milioni di euro. Contribuiscono ad aumentare il trasporto su rotaia dei contenitori.