Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Distributori carburante annunciano serrata mettendo a rischio l’autotrasporto

È il pericolo più grosso causato dalla pandemia di Covid-19: il fermo dei camion, che ogni giorno riforniscono cittadini e le imprese rimaste aperte (a loro volta essenziali per la vita delle persone), causato dalla serrata dei distributori di carburanti, annunciata il 24 marzo dalle tre associazioni degli esercenti (Confesercenti), Fegica (Cisl), Figisc/Anisa (Confcommercio). Secondo la nota diramata dalle tre sigle, dalla mezzanotte di mercoledì 25 marzo 2020 cominceranno a chiudere gli impianti, prima quelli delle autostrade e delle tangenziali e poi quelli della viabilità ordinaria. Le tre sigle spiegano che “noi, da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio”.

Dopo l’annuncio dei distributori, i vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, ha dichiarato che “Il minacciato blocco da parte dei benzinai deve essere assolutamente evitato: a rischio il trasporto delle merci essenziali”. Uggè invita quindi il Governo a fornire risposte alle richieste dei gestori degli impianti di carburante.

Anche Trasportounito è intervenuto sulla questione, chiedendo al Governo esplicitamente la precettazione dei distributori. “Non è neppure immaginabile uno scenario in cui non sia possibile trasportare merci essenziali come alimentari o medicine in presenza di una serrata dei benzinai”, afferma il segretario Maurizio Longo, che conclude: “Il nostro non è un invito; il Governo prenda subito coscienza del pericolo e delle conseguenze letali per un Paese già in ginocchio”.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Autotrasporto

Logistica

Mare