Array ( [0] => 21 )

Primo piano

  • Decreto Flussi apre agli immigrati nell’autotrasporto

    Decreto Flussi apre agli immigrati nell’autotrasporto

    Il Decreto Flussi pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero 252 del 12 ottobre 2020 comprende tra le categorie di lavoratori ammesse, in numero chiuso, all’immigrazione in Italia anche gli autisti di veicoli industriali operanti nell’autotrasporto in conto terzi. Soddisfatta l’Anita.

Podcast K44

Normativa

Chiarimenti sul traino di rimorchi extracomunitari


Lo sviluppo del trasporto combinato strada-rotaia e strada-mare anche con Paesi extracomunitari sta aumentando i casi in cui arriva in Italia un semirimorchio con targa extracomunitaria che deve essere agganciato da un trattore con targa di un Paese comunitario. In questi casi, quale normativa va applicata all'autoarticolato? Partendo da alcune segnalazioni di situazioni reali, risponde il ministero dei Trasporti con la circolare numero 2 del 2019, che considera il caso di un semirimorchio extracomunitario sbarcato in un porto italiano e diretto in un altro Paese dell'Unione. Innanzitutto il ministero precisa nella prima parte che si tratta di un trasporto da uno Stato extra-UE all'Italia, perché il semirimorchio sbarca in un porto italiano e quindi questo caso rientra in quelli degli accordi bilaterali tra L'Italia e il Paese di origine. In pratica, ciò significa che il semirimorchio deve avere un'autorizzazione al trasporto merci bilaterale che rientri nel contingente stabilito dall'accordo. Quando il semirimorchio prosegue il viaggio su strada dopo lo sbarco per un altro Paese comunitario, cambia la situazione e si richiede solo che il vettore (di un Paese UE) abbia la licenza comunitaria.
Che cosa succede nel viaggio di ritorno del semirimorchio extracomunitario verso il suo Paese di origine? Prima d'imbarcarsi in Italia deve avere l'autorizzazione bilaterale, anche se viaggia a vuoto. Il ministero dei Trasporti ricorda che le autorizzazioni dei contingenti italiani sono valide per un solo viaggio, che comprende le tratte di andata e ritorno. Anche nel ritorno sulla parte stradale, il complesso formato da un trattore con targa comunitaria e semirimorchio con targa extracomunitaria deve avere la licenza comunitaria, oltre che la citata autorizzazione bilaterale.
CIRCOLARE MINISTERO TRASPORTI 2/2019 AGGANCIO SEMIRIMORCHIO EXTRACOMUNITARIO DA PARTE DI TRATTORE STRADALE COMUNITARIO

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    L’amministratore delegato di Tirrenia, Massimo Mura, ha annunciato che dal 1° dicembre la compagnia eliminerà alcuni collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna a causa dell’incertezza sulla proroga della convenzione.