TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Rottura al Tavolo autotrasporto di Genova

E-mail Stampa PDF

Nella riunione del 25 febbraio 2019 all'Autorità portuale per discutere dell'ordinanza sulle attese dei camion, terminalisti e autotrasporto non hanno trovato un accordo e questi ultimi hanno lasciato l'incontro.

Genova Vte gru sopralevata camionLa lunga trattativa all'interno della filiera del trasporto container nel porto di Genova non trova ancora una conclusione positiva. Anzi, nella riunione di oggi i rappresentanti dell'autotrasporto hanno abbandonato il Tavolo per un insanabile disaccordo sulle modifiche richieste dai terminalisti alla bozza di ordinanza proposta dall'Autorità di Sistema Portuale. Sono rimasti, invece, i sindacati, che però intendono chiarire un paio di punti. La discordia tra terminalisti e autotrasportatori è sulle prenotazioni e le finestre per lo scarico dei contenitori.
Gli autotrasportatori non sono contrari per principio a questi due strumenti, ma chiedono che gli orari siano determinati dai tempi di viaggio della merce. Per esempio, se il container arriva la mattina e il terminal fissa lo slot per il camion la sera, questa situazione sarebbe inaccettabile per il vettore, perché non è compatibile con i tempi di guida e riposo degli autisti. Inoltre, gli autotrasportatori lamentano che l'ordinanza dell'Autorità portuale non cita la somma del risarcimento in caso di prolungate attese (i vettori chiedono 50 euro l'ora), mentre non si conoscono elementi importanti, come il numero dei container lavorati dai terminal all'ora e l'orario di apertura dei container per la prenotazione.
Restano aperte altre due questioni, che devono essere affrontate con i sindacati. Riguardano due attività dove sono coinvolti anche gli autisti: la pulizia dei container vuoti e la verifica della corrispondenza tra il numero univoco del sigillo sul container scaricato dalla nave e quello segnato nella documentazione d'imbarco. Su queste attività c'è un rimpallo tra terminalisti, autotrasportatori e autisti.
Il presidente dell'Autorità Portuale vorrebbe chiudere la partita entro il prossimo venerdì, per inviare un testo di ordinanza condiviso al ministero dei Trasporti per una sua definitiva approvazione. Gli autotrasportatori hanno daconcessoto un pio di giorni agli altri soggetti della filiera per trovare una soluzione e in caso di un mancato accordo inizieranno le assemblee per decidere quali azioni intraprendere. Ricordiamo che già nel 2018 le associazioni dell'autotrasporto avevano proclamato un fermo, poi sospeso per l'impegno dell'Autorità portuale di emettere un'ordinanza. Se lo stallo permarrà nei prossimi giorni, potrebbe riemergere l'ipotesi di una sospensione delle attività al porto.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1574

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed