TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il ministro dei Trasporti va all’esame dell’Austria

E-mail Stampa PDF

Il 12 giugno si svolgerà il secondo incontro del Brenner Meeting, dove Italia e Germania dovranno esprimersi chiaramente sui limiti imposti da Vienna al transito dei veicoli pesanti.


Austria autostrada A13 Brennero viadotto Europa altoIl nuovo ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, si è appena seduto sulla scrivania che deve affrontare un fascicolo scottante che riguarda l'autotrasporto. È la riunione del Brenner Meeting, che presenzierà domani a Bolzano con i suoi omologhi austriaco e tedesco e che dovrà sciogliere il nodo dei limiti posti unilateralmente (nonostante le dichiarazioni di collegialità diramate dopo ila prima riunione) dal Tirolo austriaco al transito dei veicoli industriali lungo l'asse del Brennero. La Germania si è già dichiarata contraria, così come le associazioni dell'autotrasporto italiane. Il ministro uscente Delrio ha rilasciato alcune tiepide proteste prima di lasciare l'ufficio a Toninelli, che domani dovrà prendere una decisione chiara e attuare i conseguenti provvedimenti.
Il ministro dei Trasporti dovrà decidere da solo, perché non ha ancora nominato viceministro e sottosegretari. Nel pomeriggio di oggi non ha ancora annunciato alcuna posizione, mentre il mondo dell'autotrasporto sta attuando una pressione affinché si opponga con decisione al provvedimento austriaco. "L'Austria lavora da tempo per ostacolare, in assenza di alternative efficienti, il superamento dell'arco alpino, attraversato da 200 milioni di tonnellate all'anno per un valore pari a 524 miliardi di euro. Il blocco dell'Austria, oltre a generare inquinamento (i veicoli industriali fermi inquinano più di uno Euro 6) produce al sistema produttivo un costo, per ogni ora, pari a 203 milioni di euro. Il fermo di un camion costa all'impresa tra gli 800 e i mille euro al giorno", sottolinea il vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, che si appella a Toninelli affinché: "ribadisca in maniera ancora più decisa la posizione assunta in merito dal suo predecessore, e la necessità di approdare a decisioni pienamente condivise".
Sulla questione del Brennero, Anita (autotrasporto) e Anfia (costruttori automobilistici italiani) hanno scritto insieme al ministro dei Trasporti per chiedergli di opporsi al provvedimento austriaco. "Iniziative unilaterali, come il sistema di dosaggio dei veicoli pesanti messo in piedi dal Tirolo, non solo distorcono la concorrenza e contrastano con il diritto UE, ma hanno anche un effetto controproducente su congestione ed emissioni nocive, come testimoniato dalle lunghe file di Tir che si sono registrate nei giorni di divieto, e determinano anche un problema sociale per gli autisti", dichiara Thomas Baumgartner, presidente di Anita.
Il direttore di Anfia, Gianmarco Giorda propone di differenziare i limiti e i divieti sulla base della categoria ambientale dei veicoli: "La soluzione al problema potrebbe avvenire attraverso una differenziazione della circolazione delle classi di veicoli penalizzando quelli più inquinanti, garantendo la circolazione ai mezzi Euro VI e prevedendo una premialità aggiuntiva per i veicoli più moderni e puliti, in primis quelli alimentati a gas naturale liquefatto, gas naturale compresso e full electric, ma anche attraverso l'utilizzo di moderne tecnologie come il platooning, i semirimorchi allungati del Progetto 18 o anche gli EMS".
Al Brenner Meeting si parlerà anche di trasferimento delle merci dalla strada alla rotaia, una soluzione che Baumgartner non ritiene al momento risolutiva: "Il 70% dell'export e dell'import italiano passa sulle Alpi e la maggior parte viaggia attraverso il Brennero, asse fondamentale di collegamento del nostro Paese con i grandi mercati del Centro e Nord Europa. È illusorio pensare che tutte le merci possano essere trasferite alla ferrovia: il modal shift va sicuramente incentivato, ma al tempo stesso occorrono soluzioni che garantiscano la permeabilità dell'arco alpino al trasporto su strada, coniugando le esigenze ambientali con la sostenibilità economica".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 769

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed