TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alterazione cronotachigrafo è reato solo per titolare impresa

E-mail Stampa PDF

Una sentenza della Corte di Cassazione conferma l'assoluzione di un autista dipendente di un'azienda di autotrasporto per avere manomesso il cronotachigrafo. Il reato vale solo per il responsabile dell'azienda.


Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSLa sentenza numero 2200 emessa dalla Corte di Cassazione il 19 gennaio 2018 porta un importante chiarimento sulla responsabilità penale nella manomissione dei cronotachigrafi dei camion. La cassazione aveva già ben chiarito in precedenza, con diverse sentenze, che alterare in qualsiasi modo lo strumento che registra i tempi di guida e riposo dei camionisti ha anche una rilevanza penale, oltre che comportare le sanzioni previste dal Codice della Strada. Ma questa ordinanza specifica che la rilevanza penale vale solo se la manomissione viene fatta dall'impresa titolare del veicolo e non per un autista dipendente.
La sentenza nasce da una causa intentata contro la decisione presa nel marzo del 2016 dal Gup del Tribunale di Cremona, che aveva assolto in rito abbreviato un autista di Tortona accusato del reato di rimozione o omissione dolosa di cautele contro disastri o infortuni sul lavoro. In pratica, aveva manomesso il cronotachigrafo del camion che guidava e aveva ammesso di averlo fatto lui stesso. Il pubblico ministero aveva quindi avviato il ricorso in Cassazione contro tale decisione.
I giudici della Cassazione hanno però respinto il ricorso, confermando la sentenza di assoluzione, distinguendo tra il caso in cui "un soggetto amministratore di una società di autotrasporti imponeva ai conducenti di utilizzare accorgimenti per eludere la corretta registrazione dei dati dei cronotachigrafi posti sui mezzi" da quello di un autista dipendente.
Nel primo caso, il datore di lavoro rispende al reato previsto dall'articolo 437 del Codice Penale, nel secondo l'autista deve rispondere solo della violazione dell'articolo 179 del Codice della Strada. "Si tratta di un aspetto non solo formale, ma fortemente opinabile, posto che anche le previsioni dettate dal Codice della Strada, limitatamente all'ambito di applicazione, sono norme tese a tutelare l'incolumità dei soggetti che di tale strumento di servono", scrivono i giudici di Cassazione.
La sentenza conclude che "va pertanto affermato che l'avvenuta applicazione dell'articolo 179 del Codice della Strada nella specifica ipotesi di un comportamento posto in essere dal conducente di un mezzo, che abbia posto in essere l'alterazione del cronotachigrafo, esclude la concorrente applicazione al medesimo soggetto della previsione incriminatrice di cui all'articolo 437 del Codice Penale, in riferimento da quanto previsto dall'articolo 9 Legge 689 del 1981".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2923

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed