TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Diminuiscono i ricavi di Moby nel trasporto merci

E-mail Stampa PDF

La prima trimestrale della compagnia marittima di Onorato Armatori chiude in rosso per effetto delle minori entrate provenienti dai rotabili. La società è ottimista per il futuro.


Moby Tommy navigazioneIl Gruppo Moby nel primo trimestre di quest'anno ha fatto registrare ricavi pari a 89,2 milioni, in calo di 5,4 milioni rispetto ai 94,6 dello stesso periodo del 2017. Anche l'ebitda è peggiorato, passando da -5,7 milioni nei primi tre mesi dello scorso anno a -15,6 milioni, così come il margine operativo lordo è negativo per 30,1 milioni (dai -19,8 milioni di un anno fa) e il risultato netto mostra una perdita pari a 40,6 milioni (rispetto a un rosso di 29,1 milioni al 31 marzo 2017). Il direttore finanziario del gruppo, Francesco Greggio, evidenzia però che, considerando i dodici mesi terminati al 31 marzo 2018 rispetto a quelli precedenti, "i ricavi sono aumentati da 537 a 581 milioni di euro, così come l'Ebitda è salito da 98 milioni a 122 milioni, sui quali pesano 22 milioni che sono il costo stimato per le nuove linee avviate nel Baltico e verso Sicilia e Corsica". Secondo Greggio questo andamento "ci lascia ben sperare sulla recuperabilità, in termini di break-even, delle nuove iniziative. Ci fa capire che siamo verso la strada giusta".
Nei primi tre mesi di quest'anno sono aumentati i costi delle materie prime per 2,1 milioni di euro, soprattutto per effetto di un aumento del prezzo del carburante, ma a pesare sui risultati finanziari sono anche e soprattutto i minori ricavi derivanti dalla divisione rimorchio portuale (-1,3 milioni) e dai traghetti (-4,2 milioni). In particolare per quanto riguarda il trasporto delle merci in stiva (camion e semirimorchi) le entrate sono diminuite per complessivi 3,8 milioni, imputabili per 3 milioni a Moby e per 800 mila euro a Tirrenia Cin, nonostante le nuove rotte aperte verso la Sicilia e verso Malta. Il motivo di questo lo rivela sempre Francesco Greggio spiegando che "il gruppo ha preferito mantenere i volumi trasportati", anche a costo, evidentemente, di praticare tariffe più basse pur di non perdere quote di mercato.
Il bond di Moby (300 milioni di euro, scadenza 2023 e rendimento 7,75%), dopo essere stato declassato a metà maggio da Moody's (da B1 a B3) e aver conseguente perso valore alla Borsa del Lussemburgo fino ai minimi di fine maggio (78% del valore di emissione), è risalito nelle ultime settimane attestandosi oggi intorno al 85%. La trimestrale di Moby conferma infine che a novembre prenderà forma il reverse merger (fusione inversa) fra la capogruppo Moby e la controllata Cin (Tirrenia), un'operazione volta a "incrementare l'efficienza attraverso sinergie operative" e a "razionalizzare la struttura finanziaria della capogruppo". A questo proposito la società ha reso noto che la sede legale di Tirrenia Cin sarà temporaneamente spostata da Cagliari a Milano per poi riportare tutto il gruppo in Sardegna dopo che il merger sarà completato.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1618

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed