Array ( [0] => 9 [1] => 32 )

Primo piano

  • Carenza autisti camion aumenterà nel 2021

    Carenza autisti camion aumenterà nel 2021

    Una ricerca dell’Iru mostra che nonostante la riduzione dell’autotrasporto causata dalla pandemia di Covid-19, quest’anno aumenterà ancora la carenza di autisti di veicoli industriali. I podcast e i videocast di K44 che parlano di questo problema.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Chiarimenti sulle sanzioni per dischi cronotachigrafo mancanti in cabina

    La sentenza pronunciata dalla Corte di Giustizia Europea il 24 marzo 2021 (causa C-870/19 - ECLI:EU:C:2021:233) ha suscitato molto interesse in Italia. Il caso è abbastanza comune e noto alle imprese di trasporto che facciano uso di mezzi dotati di cronotachigrafo analogico: nei controlli su strada da parte delle forze dell’ordine i conducenti devono essere in grado di esibire i fogli di registrazione (i cosiddetti “dischi”) dei 28 giorni di calendario antecedenti quello del controllo. Nel caso in cui il conducente non sia in grado di esibirli in tutto o in parte, subisce la sanzione prevista dall’articolo 19 della Legge numero 727/78, pari ad euro 52,00 nel minimo edittale. Finora, la sanzione di 52,00 euro veniva irrogata per ciascun “disco” mancante. Pertanto, qualora il conducente non avesse avuto con sé, ad esempio, dieci “dischi”, subiva la sanzione di 520,00 euro nel minimo edittale.

    Sembrerebbe che, grazie alla sentenza della Corte di Giustizia, dal 24 marzo 2021 vi sia stata una sorta di liberi tutti: “finalmente si potrà tornare a viaggiare senza dover rendere conto dell’attività dei 28 giorni antecedenti, tanto la sanzione è di soli 52,00 euro!” ho sentito esclamare. Le cose non stanno affatto così e credo che un’informazione di questo tipo sarebbe fuorviante, con gravi conseguenze per le aziende di trasporto che si lasciassero convincere. La sentenza della Corte di Giustizia è di tipo “pregiudiziale” e non decide la controversia. Si tratta di una sentenza che permette ai giudici nazionali di ottenere un’interpretazione autentica della norma europea, ai fini della decisione del caso concreto. Quindi, ad oggi, l’esito dell’opposizione ai verbali del 2013, dalla quale è nata la vicenda, non è ancora noto, perché la Corte di Cassazione italiana non si è ancora pronunciata. Consideriamo che il ricorso per Cassazione è stato presentato la Prefettura di Firenze, perché già il Tribunale di Firenze aveva dato ragione ai ricorrenti, riducendo a una sola le infrazioni e le relative sanzioni.

    Non sappiamo quindi come si risolverà la cosa, soprattutto perché la Corte di Giustizia Europea ha chiarito che, se da un alto è pacifico che l’infrazione di chi non abbia con sé i dischi dei giorni antecedenti il controllo sia unica, a prescindere dal numero di dischi mancante, dall’altro lato è vero che “in forza dell’articolo 19 del regolamento numero 561/2006, le sanzioni per infrazione dei regolamenti numeri 3821/85 e 561/2006 devono essere effettive, proporzionate, dissuasive e non discriminatorie. A tale riguardo, occorre sottolineare che un inadempimento relativo all’articolo 15, paragrafo 7, del regolamento n. 3821/85 non può essere considerato un’infrazione minore (vedi in tal senso, sentenza del 9 febbraio 2012, Urbán, C-210/10, EU:C:2012:64, punti 33 e 34). Di conseguenza, la sanzione prevista per tale inadempimento deve essere sufficientemente elevata, in considerazione della gravità di tale infrazione, affinché essa possa produrre un reale effetto dissuasivo”.

    Ora, non credo che qualcuno possa pensare che la mancanza dei “dischi” possa essere ragionevolmente sanzionata con un’unica sanzione di 52,00 euro: è evidente che l’effetto dissuasivo non sia affatto rispettato, se si riduce tutto ad un un’unica sanzione. Ancora, la Corte ha chiarito che “un inadempimento relativo all’articolo 15, paragrafo 7, del regolamento numero 3821/85 è tanto più grave quanto più elevato è il numero di fogli di registrazione che non possono essere presentati dal conducente. Un inadempimento del genere impedisce infatti il controllo effettivo delle condizioni di lavoro dei conducenti e del rispetto della sicurezza stradale relativamente a più giorni”. La Corte, dunque, ha dichiarato che la mancanza dei dischi a bordo del mezzo non è un’infrazione minore ed è tanto più grave quanto maggiore sarà il numero di dischi mancanti. Ciò significa che potrà essere graduata proprio sulla base del numero di dischi mancanti.

    Quali sono dunque gli scenari aperti dalla decisione della Corte di Giustizia? Il primo riguarda il caso concreto: alla luce della sentenza in esame, la Cassazione potrebbe semplicemente confermare la sentenza d’appello del Tribunale di Firenze che aveva già ridotto a una le sanzioni subite dall’azienda ricorrente. Oppure potrebbe pronunciare il principio di diritto in linea con la decisione della Corte di Giustizia europea, rideterminando l’entità della sanzione, in rapporto alla sua gravità, in una somma maggiore rispetto al minimo edittale (sempre, comunque, entro i limiti stabiliti dall’articolo 19 Legge 727/78, che sono molto bassi).

    Il secondo scenario riguarda la tempestività dell’ordinamento italiano nell’adeguare la propria legislazione: è evidente che una norma del 1978 è inadeguata. Appare ragionevole aspettarsi che il legislatore aumenti l’importo della sanzione minima e poi gradatamente preveda aumenti sulla base del numero di dischi mancanti. Se ciò accadesse, mentre oggi la mancanza di un solo disco viene sanzionata con 52,00 euro, domani la medesima infrazione sanzione potrebbe essere sanzionata con un importo sensibilmente maggiore.

    Infine, va considerato il fatto che, a prescindere dall’entità della sanzione pecuniaria, l’assenza dei fogli di registrazione a bordo del mezzo rappresenta una delle infrazioni che comportano la comunicazione dei dati identificativi dell’impresa di trasporto al Centro di Elaborazione Dati del Ministero dei Trasporti, con conseguente rischio dell’impresa di subire il controllo dell’Ispettorato del Lavoro (e in questo caso il controllo potrebbe riguardare fino ad un anno antecedente) e, un domani, perdita di punti nel sistema Erru (Registro Europeo dell’Autotrasporto) che potrebbe comportare, nei casi più gravi, la sospensione della licenza di trasporto.

    Ritengo, quindi, essenziale che gli organi di informazione del settore siano prudenti nel diffondere la notizia in modo eccessivamente entusiastico, per non determinare l’equivoco che grazie alla sentenza della Corte di Giustizia Europea sia stato fatto un passo indietro rispetto alla legalità, a discapito della sicurezza della circolazione stradale e dei lavoratori del settore e per evitare che le aziende di trasporto subiscano conseguenze nefaste per sé stesse, pensando di poter iniziare a girare, omettendo di avere a bordo i fogli di registrazione.

    Avvocato Federico Gallo

    www.federicogallo.it

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Il gruppo armatoriale napoletano Grimaldi potenzia la sua presenza in Spagna tramite l’acquisto dalla Naviera Armas Trasmediterránea di cinque traghetti e due terminal portuali a Barcellona e Valencia.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico

LOGISTICA

Allarme anche per la carenza di materie plastiche

LOGISTICA

Amazon aprirà tre logistiche in Veneto

LOGISTICA

Prefetto di Piacenza chiede Tavolo governativo su FedEx

LOGISTICA

Deutsche Post stanzia sette miliardi nella logistica sostenibile
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile
previous arrow
next arrow
Slider