Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Tempi stretti per scalare la Tirrenia


    Si tratta di un affare da quasi 100 milioni di euro se si considerano i 10-12 milioni con cui dovrà liquidare Negri, gli 8 per Izzo e i circa 80 che dovrà versare a Sposito per il 35% di Tirrenia (quota valutata quasi 30 milioni) e il 32% di Moby (altri 50 milioni). L'intero capitale di Tirrenia nel 2012 era stata ceduto per complessivi 380 milioni di euro, di cui 200 milioni versati subito e la quota rimanente da liquidare in tre tranche al ricevimento dei contributi stabiliti dalla convenzione (72 milioni annui per otto esercizi).
    Dopo l'accordo firmato dai quattro soci, tutti danno ormai per chiusa la partita Tirrenia, ma non sono esclusi colpi di scena perché i tempi entro cui Onorato deve mettere a posto tutti i tasselli del dossier sono abbastanza stretti. Il patron di Moby, assistito in questa corsa contro il tempo da Unicredit come advisor, oltre a racimolare 100 milioni di euro, dovrà infatti trovare un partner "gradito" all'Antitrust per evitare limitazioni dovute al rischio di posizione dominante di Moby e Tirrenia sul mercato italiano del trasporto marittimo passeggeri e merci.
    Se anche la ricerca di fondi andasse a buon fine (Unicredit già l'anno scorso era pronta a mettere sul piatto 25 milioni di euro) e il rischio Antitrust fosse aggirato (proseguono i contatti con il fondo Palladio), rimangono da sistemare alcune altre variabili, tra cui i sindacati e la Regione Sardegna. Nei giorni scorsi il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, è intervenuto sulla questione sollevando pubblicamente il "rischio di concentrazione delle rotte del Tirreno nelle mani di un solo armatore. Un rischio di monopolio che può avere l'effetto di far lievitare il costo dei biglietti con la riduzione dei servizi all'utenza e l'inevitabile perdita di posti di lavoro".
    Il leader della Uiltrasporti ha poi aggiunto: "Non credo che tale operazione andrà in porto, poiché non vi sono le condizioni per l'ottenimento dell'autorizzazione da parte dell'Antitrust. Ancora una volta è chiaro il tentativo dei poteri forti di appropriarsi della gestione e dei ricavi di Tirrenia per risanare le casse di Moby facendo venir meno quel principio di concorrenza che stava alla base del processo di liberalizzazione del settore del cabotaggio marittimo nel quale è stata inserita la privatizzazione del Gruppo Tirrenia". Il riferimento è alle sinergie che da tempo Onorato dice di voler realizzare fra le due compagnie di navigazione.
    Nella sua corsa contro il tempo Onorato dovrà superare anche l'ostacolo della Regione Sardegna, che non vede di buon occhio il passaggio di Tirrenia nelle mani di Moby. Nelle scorse settimane, l'assessore ai Trasporti Massimo Deiana aveva lanciato l'allarme dicendosi pronto a dare battaglia: "Certamente preoccupa l'eventualità che buona parte del traffico marittimo da e verso la Sardegna possa essere gestito da un unico soggetto imprenditoriale e, nel caso si rendesse formalmente necessario, valuteremo di conseguenza gli eventuali profili di violazione delle regole della concorrenza".
    La partita sull'ex compagnia di navigazione pubblica è dunque tutt'altro che chiusa, anche se Onorato ha l'occasione di segnare il gol decisivo. Luigi Negri però non ha fatto mistero del fatto che, se il primo giorno di agosto la questione non sarà risolta e la sua partecipazione del 15% in Tirrenia liquidata, dal giorno successivo Gip è pronta a scendere in campo con una cordata di imprenditori per giocare la partita Tirrenia. Chi lo conosce bene è pronto a giurare che, anche se Onorato dovesse acquistare insieme a un partner la Tirrenia entro fine luglio, Negri potrebbe comunque scendere in campo replicando sulle rotte per la Sardegna la sfida che da tempo è già in atto sui collegamenti verso l'arcipelago toscano fra BluNavy e Toremar. Quantomeno prima che una sentenza del Consiglio di Stato togliesse Toremar a Moby.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • Alleanza sino-tedesca sull’idrogeno per camion

    Alleanza sino-tedesca sull’idrogeno per camion

    Bosch ha creato un joint-venture in Cina con Qingling Motors per sviluppare e costruire sistemi di celle a combustibile per i veicoli industriali. In Cina potrebbero circolare oltre un milione di camion elettrici a idrogeno entro il 2030.

Mare

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Operazione antimafia nei trasporti e nel commercio di carburanti

LOGISTICA

Strage in magazzino FedEx d’Indianapolis

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Alleanza sino-tedesca sull’idrogeno per camion

CAMIONSFERA

Cnh sospende le trattative per la vendita d’Iveco a Faw

CAMIONSFERA

Abbattuto il diaframma della galleria Serravalle del Terzo Valico

CAMIONSFERA

Accordo tra Austria e Germania sulla ferrovia del Brennero

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione
previous arrow
next arrow
Slider