Array ( [0] => 10 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Nessun aggravio sui trasporti con le norme ECA


    Che conseguenza ha portato l'entrata in vigore dal 1° gennaio 2015 delle zone ECA (Emission Control Area) e l'obbligo di utilizzo di combustibili navali a bassissimo tenore di zolfo? Le compagnie di navigazione avevano preannunciato rincari nelle tariffe di trasporto e addizionali varie ma, al momento, l'impatto sul mercato è stato praticamente nullo.
    Questo tema è stato al centro di un'approfondita analisi condotta dagli analisti di Drewry Maritime Research, per capire quali effetti sta avendo sui noli e sui bunker surcharge (rincari per il costo del carburante) l'avvento di queste nuove regole. Le stime dei mesi scorsi parlavano di un rincaro da gennaio 2015 di circa 29 dollari per ciascun teu trasportato sulla rotta tra Nord Europa e la costa est degli Stati Uniti, di 49 dollari sulla tratta Nord Europa-Golfo del Messico e 21 dollari tra Nord Europa e Asia. Nel Mediterraneo, fino al 2020 non è prevista l'introduzione di alcun tratto di mare ECA, quindi qualcuno ipotizzava semmai un vantaggio competitivo rispetto agli scali del Northern Range.
    La realtà attualmente non lascia intravvedere grandi cambiamenti sul mercato dovuti alle nuove normative in tema di emissioni, dal momento che non tutte le compagnie di navigazione hanno applicato dei rincari e, soprattutto, molti caricatori e spedizionieri hanno avuto il potere contrattuale di rifiutare questi surcharge, dal momento che nei mesi passati il costo del petrolio e del bunker navale sono calati notevolmente.
    Drewry sottolinea in particolare che, dato il notevole calo del BAF (Bunker Adjustment Factor) negli ultimi tempi sulla rotta Asia-Europa, un incremento nominale del 20% dovuto alle nuove aree ECA è stato irrilevante. Tra luglio e dicembre 2014, il costo del bunker è sceso del 44%, in misura ancora maggiore rispetto al BAF, che storicamente reagisce con un po' di ritardo rispetto all'andamento del costo del carburante e che quindi è destinato a calare ancora nei prossimi mesi. Nelle conclusioni, l'approfondimento di Drewry afferma che le resistenze dei caricatori e il crollo del prezzo del petrolio hanno fatto sì che, almeno per ora, venisse completamente neutralizzato il rincaro annunciato dai global carrier per l'obbligo di utilizzare carburanti nelle zone ECA.
    Un'altra indagine, condotta questa volta dalla società di consulenza specializzata MEC Intelligence, ha analizzato quali tecnologie hanno adottato le società armatoriali per essere regola con la normativa che impone dallo scorso 1° gennaio il limite dello 0,1% di zolfo nelle emissioni navali nelle zone ECA (Emission Control Area). Le possibilità erano diverse: LSMGO (low sulphur marine gas oil), installazione di depuratori dei fumi di scarico (scrubber), LNG, metanolo, biofuel e altre. Ognuna di questa opzioni diventa più conveniente secondo dell'orizzonte temporale d'impiego delle navi, della rotta coperta, del cosiddetto payback period e altro.
    L'indagine condotta da MEC Intelligence ha riguardato circa 70 società che hanno reso pubbliche le rispettive strategie d'azione su questa specifica materia. Risulta evidente che, tra quelle che hanno deciso di puntare su nuovi investimenti specifici, il 75% ha scelto l'installazione degli scrubber, anche perché il gas naturale liquefatto è visto come una risorsa alternativa per il futuro ma non per il periodo attuale. La maggioranza delle società esaminate, però, ha preferito al momento non procedere con nessun investimento specifico, rivolgendosi all'utilizzo del marine gasoil quando le navi entrano nelle zone ECA.

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Operazione antimafia nei trasporti e nel commercio di carburanti

LOGISTICA

Strage in magazzino FedEx d’Indianapolis

LOGISTICA

K44 podcast: come cambia l’offerta di lavoro nella logistica

LOGISTICA

Venezia vuole produrre idrogeno verde per il trasporto

LOGISTICA

Alibaba.com con Nola Business Park nel commercio elettronico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Abbattuto il diaframma della galleria Serravalle del Terzo Valico

CAMIONSFERA

Accordo tra Austria e Germania sulla ferrovia del Brennero

CAMIONSFERA

Dkv avvia il pagamento telematico in Italia

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione
previous arrow
next arrow
Slider