Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Orlean vince l’ultima gara per l’Interporto di Venezia

    Il Gruppo Orlean di Gabriele Volpi era giunto a solo un passo dall’acquisizione degli asset dell’Interporto di Venezia nel 2018, transazione poi sospesa perché le due banche creditrici ipotecarie dell’interporto veneto avevano negato l’assenso. A quasi due anni, il Gruppo è riuscito a concludere l’operazione, che è stata ufficialmente comunicata il 3 marzo 2020. Orlean rileva gli asset delle società Interporto di Venezia e del Terminal Intermodale Adriatico di Marghera tramite la controllata Rivers Docks. L’aggiudicazione è avvenuta a dicembre 2019, ma la transazione si è conclusa con il conferimento degli immobili della Interporto alla Terminal Intermodale. Il valore dell'operazione è di circa trenta milioni di euro e comprende la concessione portuale della Tia.

    Si chiude così la lunga vicenda giudiziaria dell'interporto di Venezia che faceva capo al Gruppo De Vecchi e che è in gestione commissariale dal 2013 e da allora è stata condotta dai due commissari Armando Bonetto e Daniele Granzotto. La cessione dovrebbe salvare dal licenziamento i cinquanta dipendenti delle due società. Nei prossimi giorni la nuova proprietà incontrerà l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico settentrionale per illustrare il piano di sviluppo della struttura.

    Gabriele Volpi è poco noto in Italia fuori dagli ambienti della finanza, ma è considerato uno degli uomini più ricchi della Penisola, che ha fatto la sua fortuna gestendo i porti della Nigeria da dove passa il fiume di petrolio estratto nel Paese africano, ossia Onne (sul delta del Niger e considerato il più grande porto franco del mondo), Warry, Calabar e Lagos. Lo spiega un ampio articolo dell’Espresso del giugno 2015, aggiungendo che Volpi ha investito i ricavi in diverse attività, tra cui la logistica tramite la holding Orlean Invest e la controllata Intels. La rete di società che fanno capo all’imprenditore ligure è estesa a livello globale.

    Volpi si è anche associato con Gianluigi Aponte per la realizzazione di un nuovo grande porto a Badagry, sempre in Nigeria, che aveva l’ambizione di diventare il più grande dell’Africa. Il progetto – che prevedeva un investimento di 2,6 miliardi di dollari - è stato però fermato dall’Autorità portuale nigeriana nell’aprile del 2018, anche se nel dicembre 2019 il presidente dello Stato di Lagos (che fa parte della Repubblica Federale di Nigeria) ha dichiarato che l’amministrazione resta interessata allo sviluppo di un porto a Badagry. Vedremo come in questo contesto internazionale Volpi intende inserire gli asset veneziani appena acquistati.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion

TECNICA

K44 videocast: Bruxelles prepara l’Euro VII per il diesel

TECNICA

Nuovo semirimorchio granvolume e leggero di Kögel
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx

LOGISTICA

Amazon avvia apprendistato per manutenzione nella logistica

LOGISTICA

Via ai cantieri per logistica Amazon di Vicenza

LOGISTICA

Ceva lancia la divisione Forpatients per la logistica sanitaria

LOGISTICA

Alleanza giapponese per il camion elettrico
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile

CAMIONSFERA

Campagna di controlli nell’autotrasporto animali a Pasqua

CAMIONSFERA

Test anti-Covid per camionisti che entrano in GB

CAMIONSFERA

Scoperta frode fiscale nel commercio di camion

CAMIONSFERA

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

CAMIONSFERA

Arriva dalla pioggia l’energia per muovere i camion
previous arrow
next arrow
Slider