Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Enel entra nella logistica partendo dai porti

Una portavoce di Enel ha spiegato gli obiettivi della nuova società Enel Logistics Srl e come intende operare sul mercato: “La transizione energetica sta cambiando il modo di produrre e consumare l’energia elettrica. Enel ha presentato un piano per l’Italia basato su fonti rinnovabili, sistemi di accumulo di energia, demand response e impianti a gas efficienti, flessibili e funzionali ad assicurare l’affidabilità del sistema elettrico nazionale. In questo contesto il gruppo è impegnato nella valorizzazione delle aree in dismissione in cui sono presenti impianti meno efficienti, alcuni dei quali non producono già da diversi anni, secondo i principi dell’economia circolare. Tra questi ve ne sono alcuni in aree retroportuali strategiche in cui intendiamo costituire una rete di depositi doganali”.

L’obiettivo di Enel Logistics “è proporsi come partner logistico per tutti i soggetti (aziende, player logistici, operatori portuali) che hanno la necessità di movimentare e gestire volumi in import ed export beneficiando anche dei vantaggi fiscali derivanti dal deposito doganale. L’ambizione è farlo secondo i principi di sostenibilità e innovazione che guidano il gruppo, utilizzando le tecnologie più efficienti per una radicale trasformazione del modello energetico a favore di una sempre maggiore elettrificazione dei consumi di energia”.

Alla domanda se la nuova società è in cerca dei partner di settore la risposta è positiva: “Enel Logistics è aperta a collaborazioni con operatori di settore”. Oltre a Spezia e Livorno, le prime due centrali da cui dovrebbe partire il progetto dei depositi doganali, “è in corso l’analisi di ulteriori aree di proprietà Enel sia in ambito portuale che retroportuale che potrebbero essere inserite progressivamente nel progetto a beneficio delle comunità in cui da anni operiamo”.

Sulle attività che in concreto Enel Logistics intende svolgere, l’azienda ritiene che i nuovi depositi “possano contribuire a migliorare l’infrastruttura logistica del Paese divenendo degli hub dove svolgere non solo attività di consolidamento e deconsolidamento dei container e attività logistica di magazzino, ma anche attività di perfezionamento attivo ad alto valore aggiunto in sinergia con le migliori realtà dei territori che ospitano i nostri siti”.

Enel Logistics è stata costituita il 6 luglio 2020 e il suo amministratore unico è Andrea Angelino. Secondo lo statuto, l’azienda si propone di svolgere sia in Italia che all’estero attività di logistica integrata e in genere di logistica per l’industria; operatore doganale; import/export, trasporto e spedizioni via terra, aria e acqua; autotrasporto di merci e collettame nonché trasporti eccezionali; brokeraggio; gestione di terminali intermodali anche a mezzo di organizzazioni specialistiche; movimentazione,manutenzione, deconsolidamento e stoccaggio di container; stoccaggio, gestione di magazzino, deposito e movimentazione di tutte le tipologie di merci; fornitura di servizi logistici per l’industria. Insomma potenzialmente un operatore logistico a 360°.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.