Array ( [0] => 14 )

Primo piano

  • Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Per affrontare la carenza di autisti, l’organizzazione mondiale dell’autotrasporto Iru chiede ai Governi di abbassare l’età per ottenere le patenti e le certificazioni per autista di veicoli industriali a diciotto anni.

Podcast K44

Normativa

A Parona uno scalo merci attivo solo nei Tribunali

Non ha mai movimentato un solo treno, in compenso ha generato un grande traffico di carte bollate. Lo scalo ferroviario merci di Parona, in quel comprensorio della provincia di Pavia chiamata Lomellina, era stato ideato e fortemente voluto da un’amministrazione comunale molto dinamica, per servire una vivace area industriale locale dove è ubicato anche il più importante impianto provinciale di termovalorizzazione dei rifiuti, senza perdere di vista la realtà economica della vicinissima Vigevano.

Nel momento in cui il polo intermodale di Mortara, ora realtà, era ancora un vago progetto, a Parona erano convinti di poter imboccare agevolmente la corsia del sorpasso e arrivare per primi. E invece il tutto si è insabbiato, offrendo lavoro solo per gli avvocati, tra cause promosse dal Comune contro i soci privati e lo Stato che vorrebbe riavere indietro i soldi come risarcimento del danno erariale.

Ora la prima sentenza (n. 43 depositata il 21 aprile 2020) è arrivata dalla sezione giurisdizionale lombarda della Corte dei Conti. La magistratura contabile ha stabilito un risarcimento di 1,6 milioni di euro a favore del Comune che dovrà essere versato, salvo ricorso, in parti uguali da cinque amministratori delle società Combitalia e Nuova Semel insieme a uno dei direttori dei lavori. La questione, al limite del paradosso, è rappresentata proprio dalla prima di queste due società, controllata a cascata dallo stesso Comune che ora dovrebbe essere risarcito.

Ma partiamo dall’inizio. Il progetto prese il via nel 2003 con una previsione di costi di circa due milioni di euro. Promotore era la società per azioni Parona Multiservizi, ricco braccio operativo del Comune, grazie alle compensazioni economiche del termovalorizzatore. Questa società aveva affidato i lavori a Combitalia, controllata al 51% dalla stessa amministrazione comunale, mentre il restante 49% era in mano a una società privata, la Nuova Semel di Novara. Il Comune versò subito un primo acconto superiore al milione di euro, i lavori vennero avviati, ma poco dopo rallentati e quindi definitivamente sospesi, anche per il prosciugamento dei fondi, tra diatribe sulla qualità degli stessi, a tal punto che Combitalia in una delle varie puntate di questa telenovela giudiziaria ha citato per danno l’impresa esecutrice.

Nel frattempo, si era aperta un’altra causa di risarcimento, questa volta da parte dello Stato, per peculato e frode negli appalti. Ora la Corte dei Conti con la sentenza n. 43 ha stabilito che sussiste un “danno erariale a seguito di condotte gravemente colpose”. A farne le spese, secondo i magistrati contabili, era stato il Comune e quindi quest’ultimo va risarcito. Ma la vicenda giudiziaria è tutt’altro che conclusa per i complessi intrecci tra i vari protagonisti.

Lo scalo ferroviario merci di Parona, definitivamente cancellato, resta un tentativo dal sapore un po’ troppo campanilistico di pensare una struttura logistica a favore del territorio che però allora poteva essere giustificato anche da scelte infrastrutturali. Per esempio, le Ferrovie dello Stato, nel progetto di raddoppio della linea Milano-Mortara avevano previsto la realizzazione di una bretella di raccordo tra Parona e Albonese, vale a dire un collegamento diretto tra la località del nuovo scalo merci e la linea ferroviaria verso Novara e quindi verso i valichi alpini. Ma Parona nel cuore di AlpTransit, è rimasta solo una battuta.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

  • Partono i ricorsi sui pedaggi tedeschi

    Partono i ricorsi sui pedaggi tedeschi

    Dopo la sentenza della Corte di Giustzia Europea che ritiene illegittima una parte della eurovignetta tedesca sui veicoli industriali, le associazioni dell'autotrasporto avviano le procedure per la richiesta del rimborso.

Logistica

Mare

  • Accordo sui presidenti dei porti liguri

    Accordo sui presidenti dei porti liguri

    Il presidente della Regione Liguria ha firmato l’accordo sui due nomi proposti dalla ministra dei Trasporti per il rinnovo delle cariche delle Autorità di Sistema Portuale liguri.