Array ( [0] => 12 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Corridoio europeo merci in Spagna

Mentre si sciolgono i nodi per il tunnel transfrontaliero della Torino-Lione, segmento italo-francese del Corridoio Mediterraneo, la Spagna investe per adeguare allo standard europeo la propria rete ferroviaria inserita nello stesso network Ten-T con un progetto rivolto essenzialmente, se non esclusivamente, alle merci. Un altro tassello dell'intero itinerario che dalla frontiera francese raggiunge il porto andaluso di Algeciras viene adeguato allo scartamento internazionale.
I lavori avviati ad agosto 2019 riguardano la tratta in Catalogna, a nord di Barcellona, e precisamente a Martorell, località nota anche per l'insediamento del principale stabilimento di produzione della casa automobilistica Seat. Il nodo Castellbisbal-Martorell è una sezione di lunghezza ridotta, 11 chilometri, ma essenziale. Qui saranno investiti 64 milioni di euro con un cofinanziamento europeo (programma Connect Europe) in un ampio progetto che comprende anche la ristrutturazione e la riapertura di una galleria ferroviaria dismessa dove sarà ricavato un ulteriore binario e il raccordo con lo stabilimento Seat.
L'adeguamento di questa tratta completa i lavori già eseguiti tra Castellbisbal e il confine francese con quelli attualmente in esecuzione a sud tra Vila-seca, Sant Vicenç de Calders e Martorell. L'investimento voluto per valorizzare il traffico merci prende il nome di "Puerta a Europa". Dal punto di vista tecnico viene sostituito tutto l'armamento (binari e massicciata) e le traversine tradizionali con quelle a doppio scartamento, standard e spagnolo, in modo da garantire la connessione con il resto della rete europea senza vincoli e senza dover ricorrere necessariamente ai più costosi carri merci con assili a larghezza variabile, specifici e scarsamente diffusi anche in prospettiva.
Contestualmente le gallerie vengono adeguate alla massima sagoma adatta per i trasporti intermodali senza limiti. Anche tutti gli impianti di alimentazione elettrica sono rinnovati e nelle gallerie viene adottata la catenaria rigida, secondo le più recenti soluzioni tecniche disponibili, le stesse in fase di installazione in Svizzera nel tunnel di base del Ceneri.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare