Array ( [0] => 31 [1] => 9 [2] => 21 )

Primo piano

  • K44 podcast: la perenne attesa dei camionisti

    K44 podcast: la perenne attesa dei camionisti

    La principale attività degli autisti di veicoli industriali è la guida, ma il loro lavoro è fatto anche di attese per carico e scarico, che si possono prolungare per tempi indefiniti, riducendo le pause e causando ritardi a catena. Ne parla in questo episodio del podcast K44 la voce del …

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

    Sentenza europea su infrazioni al cronotachigrafo emesse in altri Stati

    Il 9 settembre 2021 la Corte di Giustizia Europa ha emesso la sentenza della causa C-906/19 che avrà importanti ripercussioni sulle sanzioni emesse per irregolarità sul cronotachigrafo dei veicoli industriali. In particolare, la decisione dei giudici comunitari riguarda il caso in cui gli organi di controllo di uno Stato comunitario emettono una sanzione a un’infrazione commessa nel territorio di un altro Stato, comunitario o no. La Corte Europea stabilisce con questa sentenza che ciò non è legittimo. È vero che il Regolamento 561/2006, che regola tempi di guida e di riposo, al secondo comma dell’articolo 19 autorizza “le autorità competenti a infliggere una sanzione a un’impresa e/o un conducente per un’infrazione al presente Regolamento rilevata sul suo territorio e per la quale non sia già stata imposta una sanzione, anche qualora detta infrazione sia stata commessa sul territorio di un altro Stato membro o di un Paese terzo”.

    Però questa autorizzazione non si può estendere alle infrazioni che riguardano lo strumento che rileva i tempi di guida e di riposo, ossia il cronotachigrafo, che è stato istituito ed è normato da un diverso Regolamento: prima il 3821/85, poi sostituito dal 165/2014. Nella sentenza, i giudici scrivono che “L’articolo 19, paragrafo 2, del Regolamento numero 561/2006 deve essere interpretato nel senso che osta (ossia impedisce, ndr) a che le autorità competenti di uno Stato membro possano imporre una sanzione al conducente di un veicolo o a un’impresa di trasporto per un’infrazione al regolamento n. 3821/85, come modificato dal regolamento n. 561/2006, commessa sul territorio di un altro Stato membro o di un Paese terzo ma accertata sul suo territorio e che non abbia già dato luogo a una sanzione”.

    La causa che ha attivato questa sentenza riguarda il trasporto di persone, ma essa vale anche per quello delle merci. Il 12 aprile 2013 a Versailles, in Francia, la Polizia ha fermato un pullman tedesco, rilevando che nel periodo tra il 5 al 16 marzo 2013 il veicolo era stato guidato senza che la carta del conducente fosse inserita nel cronotachigrafo. Dopo la segnalazione degli agenti, un Tribunale ha inflitto al direttore della società di trasporto una sanzione di 10mila euro, anche se l’infrazione non è avvenuta in territorio francese. Quindi l’impresa di trasporto ha presentato ricorso, sostenendo che in quei giorni il conducente stava svolgendo servizi di linea inferiori ai 50 km, per i quali non è previsto l’obbligo dell’applicazione dei tempi di guida e riposo. Tale esenzione è prevista dal Regolamento 651/2006 e non dal Regolamento 3821/85 (allora in vigore).

    I giudici francesi di primo grado e di appello hanno respinto il ricorso, affermando che la violazione del Regolamento sul cronotachigrafo (561/2006) comporta una violazione su quello dei tempi di guida e di riposo (3821/85 ), perciò l’azienda tedesca è ricorsa in Cassazione. In questo caso, i giudici francesi hanno sospeso la causa, chiedendo il parere della Corte di Giustizia Europea, che rituene illegittima la sanzione. In tutti i casi, precisano i giudici europei, l’autista deve sempre esibire la carta del conducente per ricostruire comunque le attività dei 28 giorni precedenti al controllo, anche nel caso in cui in tale periodo sia stato esentato dall’applicazione delle norme sui tempi di guida.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

      bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

     

     

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros

TECNICA

K44 podcast, i due nuovi volti del Mercedes Actros
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

TECNICA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Il videocast K44 esplora il nuovo Renault Trucks T
Fassi presenta la gru elettrica per camion

TECNICA

Fassi presenta la gru elettrica per camion
Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo

TECNICA

Il primo passo d’Iveco Group è il nuovo logo
previous arrow
next arrow
L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra

LOGISTICA

L’idrogeno diventa realtà sui locomotori da manovra
Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola

LOGISTICA

Incendio distrugge la logistica di Sapa ad Airola
Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione

LOGISTICA

Bimodale fiume-bici per le consegne a Lione
Le cinque professioni più richieste nella logistica

LOGISTICA

Le cinque professioni più richieste nella logistica
Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende

LOGISTICA

Pronto software per verifica del Green Pass nelle aziende
previous arrow
next arrow
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB

BREXIT

Albanesi si offrono gratis come camionisti in GB
I militari guidano le autocisterne britanniche

BREXIT

I militari guidano le autocisterne britanniche
previous arrow
next arrow
Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni

CAMIONSFERA

Obbligo di Green Pass costerà all’autotrasporto 70 milioni
Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass

CAMIONSFERA

Camionisti stranieri senza obbligo del Green Pass
Iveco sospende la produzione per carenza di componenti

CAMIONSFERA

Iveco sospende la produzione per carenza di componenti
La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?

CAMIONSFERA

La Germania sta reclutando autisti che lavorano in Italia?
Hupac conquista il controllo del terminal di Novara

CAMIONSFERA

Hupac conquista il controllo del terminal di Novara
Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?

CAMIONSFERA

Binario morto per la variante ferroviaria di Trento?
Arrestato un rapinatore di camion ad Andria

CAMIONSFERA

Arrestato un rapinatore di camion ad Andria
Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci

CAMIONSFERA

Allarme sul Green Pass per il trasporto delle merci
Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore

CAMIONSFERA

Nuova ferrovia di Koper parte al rallentatore
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

CAMIONSFERA

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità

CAMIONSFERA

Multa di 4500 euro per manomissione limitatore di velocità
Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova

CAMIONSFERA

Sequestrati 28 distributori di gasolio a Mantova
Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc

CAMIONSFERA

Rinviata l’applicazione dei nuovi programmi per la Cqc
K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo

CAMIONSFERA

K44 podcast, come cambierà il pedaggio europeo
Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG

CAMIONSFERA

Polstrada contro le frodi ai pedaggi in Friuli VG
previous arrow
next arrow