Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Come avviene lo sfruttamento degli autisti extracomunitari

    Una ricerca mostra che la pandemia di Covid-19 ha accentuato i fenomeni di sfruttamento nell’Unione Europea di camionisti immigrati dai Paesi extra-comunitari da parte di catene di sub-appalto nell’autotrasporto, sorte soprattutto nell’Est. Ecco come funziona il sistema.

Podcast K44

Normativa

Commissione Trasporti Europarlamento approva la riforma dell’autotrasporto

Il penultimo passo del lungo e travagliato viaggio per l’approvazione del Primo Pacchetto Mobilità, che cambia alcune importanti regole sull’autotrasporto internazionale con lo scopo di contrastare la concorrenza sleale e il dumping sociale degli autisti, è avvenuto nella Commissione Trasporti del Parlamento Europeo l’8 giugno 2020 con l’approvazione del testo concordato alla fine di dicembre 2019 tra il Parlamento stesso e il Consiglio dei ministri dei Trasporti. Ora manca l’ultimo passo, ossia il voto in Aula, che avverrà a luglio. Le nuove norme riguardano soprattutto il distacco internazionale dei conducenti, i tempi di riposo e il cabotaggio stradale.

Le principali novità riguardano l’obbligo di rientro nel Paese d’origine degli autisti che svolgono lunghe trasferte (ogni tre o quattro settimane, secondo l'orario di lavoro) e il divieto di svolgere il riposo regolare settimanale nella cabina del camion. Nel cabotaggio terrestre, restano le attuali regole di un massimo di tre trasporti nazionali in un periodo di sette giorni, ma tra due periodi di cabotaggio nello stesso Paese il camion dovrà trascorrere almeno quattro giorni fuori dal Paese interessato.

Importanti cambiamenti riguarderanno il cronotachigrafo, che dovrà essere installato anche nei veicoli con massa complessiva inferiore a 3,5 tonnellate se svolgono trasporti internazionali e registrerà i passaggi di frontiera di tutti i veicoli su cui sarà installato. Il Pacchetto stabilisce che le nuove regole per il distacco dei conducenti, già in vigore in altri settori, saranno applicate al trasporto internazionale (escluso il transito) e al cabotaggio. Infine introduce norme per evitare l’istituzione di società “fantasma” in Paesi esteri (le cosiddette “letter box”).

I tre provvedimenti che formano il Primo Pacchetto Mobilità sono stati votati in Commissione separatamente: le regole sul distacco dei conducenti sono state approvate con 30 voti a favore e 19 contrari, quelle sul riposo dei conducenti con 33 voti a favore, 15 contrari e un’astensione e quelle sulle norme di accesso e sul cabotaggio con 33 voti a favore e 16 contrari. A luglio il Primo Pacchetto Mobilità andrà al voto dell’Aula e sarà approvato se otterrà la maggioranza assoluta (ossia almeno 353 voti), senza alcun emendamento. In caso positivo, i testi saranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale Europea ed entreranno in vigore dopo un periodo che dipende dalla norma: quella sui tempi di riposo dopo venti giorni, mentre le altre dopo diciotto mesi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Inizia dalla Sicilia la distribuzione diretta di Amazon

    Amazon ha iniziato a consegnare i furgoni a sei imprese di autotrasporto siciliane, che svolgeranno la distribuzione nell’ultimo miglio direttamente per il colosso del commercio elettronico. Un programma pilota che potrebbe espandersi in Italia.

Logistica

Mare

  • Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Violento incendio nell’area portuale di Ancona

    Nella notte del 15 settembre è scoppiato un violento incendio all’interno dell’area portuale di Ancona ex Tubimar, in una zona dove ci sono soprattutto capannoni d’industrie. Distrutti edifici e camion parcheggiati vicino alle banchine, ma non ci sarebbero vittime.