TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Problemi dei viadotti costano 5 milioni al mese

E-mail Stampa PDF

L'amministratore delegato della Smet sottolinea i gravi problemi della viabilità tra Liguria e Piemonte causati dal crollo dei ponti o la loro chiusura per verifica sulla stabilità.

Autostrada A26 viadotto cabinaDomenico De Rosa, amministratore delegato del Gruppo Smet, è intervenuto sulle recenti interruzioni nelle autostrade A6 Savona-Torino, dove una frana ha travolto il viadotto Madonna del Monte, e sulla A26 Genova-Gravellona Toce, per verifiche strutturali sui ponti Fado e Pecetti: "Il danno subito dal settore dell'autotrasporto è stimabile in un incremento dei costi pari a cinque milioni di euro al mese", spiega l'imprenditore, aggiungendo che "il settore dei trasporti e l'intero sistema economico italiano sono ad oggi pesantemente penalizzati dalla fragilità infrastrutturale del nostro Paese. Le infrastrutture sono la colonna vertebrale dell'economia e per questo motivo la loro precarietà impone scelte immediate".
La situazione è leggermente migliorata con la riapertura del traffico in un solo senso di marcia, ma la situazione resta "particolarmente delicata sull'asse Savona-Torino, definito automotive proprio per il gran numero di mezzi che la percorre abitualmente, tra i porti di Genova e Savona e la città di Torino". Un problema molto sentito dalle imprese, come la Smet, che utilizzano il trasporto combinato strada-mare nel trasporto tra il Nord Italia e la Penisola Iberica, dove la Liguria, e in particolare il porto di Savona, è la naturale piattaforma dei servizi ro-ro.
"I nostri autisti, in costante contatto con le Prefetture, riescono a raggiungere le destinazioni con molto disagio", spiega De Rosa. "La fragilità degli assi viari limita gravemente l'accesso ai porti, rende difficoltoso il raggiungimento della committenza e rischia di danneggiare gravemente il trasporto intermodale. Per questo l'intero settore dei trasporti attende risposte immediate e soluzioni concrete".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 631

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca