TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Autotrasporto sotto accusa per il crollo del ponte Morandi

E-mail Stampa PDF

Poche ore dopo il disastro di Genova arrivano da alcune fonti accuse verso i veicoli pesanti e un anonimo ingegnere ipotizza addirittura il passaggio di un camion in sovraccarico come "innesco" del crollo.


A10 viadotto Morandi crollo fntVdFL'autotrasporto diventerà il capro espiratorio per il crollo del viadotto Polcevera sull'autostrada A10? Due giorni dopo l'evento, appaiono sulla stampa nazionale alcune ipotesi, per ora senza alcuna base concreta, su presunte colpe dei veicoli industriali nel disastro genovese. Alcune sono generiche e imputano al crescente numero di veicoli pesanti in transito l'indebolimento della struttura (che, ricordiamo, negli anni scorsi era stata accusata di errori progettuali). Una fonte addirittura afferma che il passaggio di un camion in sovraccarico potrebbe avere innescato il crollo in una situazione già compromessa.
Tale fonte anonima è citata in un articolo apparso il 16 agosto 2016 sul notiziario online Tiscali News. Il giornale ha intervistato un "ingegnere che per anni ha lavorato per Autostrade per l'Italia a Genova alla manutenzione di quel viadotto con incarichi di responsabilità", di cui però non rivela il nome. L'ingegnere premette che "a far crollare il ponte è stato sicuramente il cedimento dei cavi multipli in acciaio e il deterioramento dei tubi in calcestruzzo precompresso. Ed è fin troppo evidente che ci sia stato un errore umano di chi doveva certificare lo stato di salute dell'opera e la sua transitabilità e ha sottovalutato lo stato di degrado di cavi e tubi". Aggiunge però che ritenere quale sia stato l'innesco del crollo.
L'intervistato da Tiscali News ritiene che lo scollamento definitivo di un giunto della parte centrale del ponte – ossia la sella di Gerber, che sarebbe la zona più debole – potrebbe essere stato causato dal passaggio di un autoarticolato con un carico pesante, ben oltre quello consentito. L'ingegnere parla di una settantina di tonnellate, precisando che la dinamica potrebbe essere la stessa di quella del cavalcavia Annone della Milano-Meda. La fonte aggiunge: "Sono certo che inquirenti e autorità competenti provvederanno subito a ispezionare il materiale di video-sorveglianza. E vedrete che troveranno un tir passato pochi istanti prima sul punto dove si è innescato il disastro".
Riguardo al passaggio di veicoli industriali sul ponte, l'ingegnere afferma che "nei dieci anni che ho lavorato lì, costantemente transitavano mezzi con carichi assai superiori a quelli previsti per Legge. Il viadotto è l'unica strada che conduce al porto e ad alcune fabbriche importanti. Il carico massimo lordo per gli autotreni previsto dal Codice della Strada è intorno alle 45 tonnellate. Da circa trent'anni, i calcoli dei ponti stradali si fanno considerando il transito di uno o più mezzi di peso pari a 60 tonnellate. Su quel ponte transitano di continuo bestioni a otto assi da almeno 70 tonnellate".
Ricordiamo che in alcuni casi, come il trasporto di coil, il Codice della Strada autorizza la circolazione di veicoli con massa complessiva fino a 108 tonnellate senza autorizzazioni singole anche se trasportano più di un pezzo indivisibile, una norma che da anni alcune associazioni dell'autotrasporto contestano, chiedendone l'abrogazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 6073

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed