TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'autotrasporto toglie l'assedio all'Ilva

E-mail Stampa PDF

Dopo l'incontro del 27 febbraio 2015 tra gli autotrasportatori di Taranto e i commissari straordinari dell'industria siderurgica, i vettori hanno sciolto i presidi davanti agli stabilimenti, riattivando così completamente il rifornimento delle materie prime e la consegna dei prodotti finiti.


Ilva coils sollevamentoL'assedio all'Ilva da parte degli autotrasportatori è durato quaranta giorni, in cui i presidi davanti agli stabilimenti dell'industria siderurgica hanno notevolmente ridotto – e in qualche caso interrotto – l'afflusso di materie prime e l'uscita dei prodotti finiti. Lo scopo di questa dura protesta era ottenere i credici accumulati negli ultimi mesi, che ammontano complessivamente a circa venti milioni di euro.
Il primo passo è avvenuto ieri con l'incontro tra Anita e Unatras con i tre commissari straordinari dell'Ilva, che ha portato ad un accordo per la ripresa dell'attività. Ma per giungere allo scioglimento dei blocchi era necessario anche il consenso dei rappresentanti dei vettori tarantini, che hanno chiesto un incontro separato, avvenuto oggi. Dopo l'incontro è si è svolta un'assemblea, che ha deciso di sciogliere il presidio al varco C dello stabilimento.
Però, questa pare solo una tregua, perché gli autotrasportatori di Taranto lasciano un mese per trovare una soluzione sui crediti pregressi, poi i blocchi potrebbero ricominciare. L'avvio dell'autotrasporto permette all'Ilva di svolgere le consegne ai clienti, svuotando i magazzini dal materiale che si è accumulato in queste settimane, e di riprendere la produzione, grazie all'arrivo delle materie prime. Per quanto è possibile, perché nel frattempo lo stabilimento di Taranto ha fermato l'altoforno 1 (che ripartirà ad agosto), per i lavori di adeguamento ambientale, e dal 19 marzo toccherà al 5.
L'Ilva è anche bloccata sul versante marittimo, ma non per proteste, quanto per i fermi amministrativi attuati dal magistrati su richiesta dei creditori. Il sei febbraio è stata fermata al porto di Ravenna la Corona Australe, un rimorchiatore che opera al porto di Venezia, su richiesta di una società veneta.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2495

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed