TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

A che punto siamo con le carte dei nuovi cronotachigrafi?

E-mail Stampa PDF

Un'interrogazione parlamentare nei Paesi Bassi pone in primo piano l'erogazione delle carte tachigrafiche degli autisti adatte per gli apparecchi che entreranno in vigore a giugno 2019. Un argomento di cui in Italia non si parla.


Cronotachigrafo icone novità 2019Il prossimo giugno tutti i veicoli industriali di nuova immatricolazione dovranno installare i cronotachigrafi digitali di nuova generazione, che richiedono anche una nuova generazione di carte tachigrafiche per usare al pieno le nuove funzioni e alcune di quelle precedenti relative alla gestione delle flotte. In alcuni Paesi europei è già iniziato il dibattito sulla disponibilità e i costi di tali carte e nei Paesi Bassi la questione è stata addirittura oggetto di un'interrogazione parlamentare, che si è basata su un confronto svolto in alcuni Stati sul costo per ottenere le nuove carte.
Secondo chi ha presentato l'interrogazione, l'erogazione delle carte è più costosa nei Paesi Bassi rispetto ad altri Paesi considerati, tra cui il Belgio, il Land tedesco della Renania settentrionale e Vestfalia, la Polonia, la Spagna e la Gran Bretagna. Inoltre, nei Paesi Bassi il costo aumenterà di cinque euro, dagli attuali 95 a 100 euro. Il ministro dei Trasporti olandese, Cora van Nieuwenhuizen, ha risposto che l'emissione delle nuove carte comporta dei costi superiori e che il confronto è difficile, perché nei Paesi Bassi tutte le tipologie di carte (dell'autista, dell'azienda, dell'officina o delle Forze dell'Ordine) ha la stessa tariffa, mentre in altri Paesi può essere differente.
Questa interrogazione parlamentare è l'occasione per cominciare a parlare dell'emissione delle nuove carte del cronotachigrafo anche in Italia. Un argomento che finora non pare interessare nessuno, a cominciare dalle associazioni dell'autotrasporto per finire alle Camere di Commercio, che emettono materialmente le carte. Eppure la necessità di una nuova carta per usare i nuovi cronotachigrafi (a causa del diverso sistema di criptaggio dei dati) potrà diventare un serio problema. Le carte degli autisti attuali possono registrare i principali dati anche sui nuovi cronotachigrafi, ma per alcune informazioni supplementari bisognerà avere le carte di seconda generazione. Finora non sono giunte informazioni ufficiali riguardo al tipo delle carte attualmente rilasciate in Italia. È il caso che le imprese di autotrasporto s'informino e si muovano in tempo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2695

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed