TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Settanta camionisti indagati per esame Adr

E-mail Stampa PDF

Dopo la condanna in primo grado per un dirigente della Motorizzazione che ha agevolato l'esame del patentino per le merci pericolose si è chiusa l'indagine su numerosi autisti di camion che avrebbero beneficiato del suo aiuto.


Polizia auto Lancia AvantiL'8 novembre 2018 il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Como, Laura De Gregorio, emise tre condanne di primo grado per un dirigente della Motorizzazione Civile e due responsabili di autoscuole nell'ambito di un'ampia inchiesta su agevolazioni per conseguire il certificato di abilitazione al trasporto di merci pericolose, il cosiddetto patentino Adr. Secondo l'accusa, il dirigente aiutò i candidati in difficoltà durante l'esame, fornendo loro le risposte ai quiz. Un esempio eclatante riguarda un candidato che conseguì l'abilitazione pur non avendo risposto a 24 domande su un totale di 25. Durante l'inchiesta, la Procura di Como contestò 104 elaborati irregolari presentati da 84 candidati inviati da due autoscuole. Il dirigente della Motorizzazione chiese il rito abbreviato e ricevette una condanna di sei anni e otto mesi più la confisca di 110mila euro, mentre i responsabili della due autoscuole patteggiarono uno quattro anni e 15mila euro di multa e l'altro tre anni e sei mesi e 30mila euro di multa.
Ma i magistrati non hanno chiuso l'inchiesta con queste tre condanne, perché le indagini hanno coinvolto altre tipologie di patenti e certificati che sarebbero stati conseguiti falsificando i risultati degli esami. Il 22 gennaio 2019 il giudice per l'udienza preliminare ha chiesto il rinvio a giudizio per altri reati per le tre persone già condannate (che in questo caso sono accusate anche di associazione per delinquere) e per altri indagati per diversi casi, tra cui la promozione di candidati agli esami, il superamento della revisione di veicoli anche irregolari e una corsia preferenziale per i disbrigo di pratiche amministrative. Complessivamente la richiesta di rinvio a giudizio riguarda 24 persone. La Procura di Como ha aperto un filone d'inchiesta anche sui beneficiari di questa corruzione, ossia gli autisti di veicoli industriali che hanno conseguito il patentino Adr con l'aiuto del dirigente della Motorizzazione. Alla fine di gennaio 2019 circa settanta camionisti hanno ricevuto l'avviso di chiusura delle indagini, che è il primo passo verso la richiesta di rinvio a giudizio.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1850

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed