TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Chiesto proscioglimento camionista per apnea

E-mail Stampa PDF

Alla vigilia del processo in Svizzera contro l'autista del camion italiano che nel luglio 2017 causò la morte di quattro persone, la difesa ha chiesto il proscioglimento per sindrome dell'apnea ostruttiva del sonno.

Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSIl 27 luglio 2016 un autoarticolato di un'azienda di autotrasporto italiana carico di acqua minerale piombò addosso a una colonna di veicoli fermi sulla carreggiata nord dell'autostrada svizzera A2, all'altezza di Quinto. Il camion investì una vettura, schiacciandola contro un altro veicolo pesante fermo e causando la morte di tutti gli occupanti, padre, madre e due figlie. Lo stesso autista del camion investitore, di cinquant'anni, rimase gravemente ferito, ma si salvò. Però, venne incriminato di omicidio colposo plurimo e di grave infrazione alle norme stradali e il 4 dicembre 2017 venne rinviato a giudizio.
La perizia dell'accusa afferma che l'autoarticolato viaggiava a 90 km/h e l'autista ha frenato inutilmente solo pochi metri prima dell'impatto con la vettura, anche se questa era visibile almeno da 400 metri. Se invece avesse iniziato la frenata a settanta metri, avrebbe potuto evitare l'investimento. I rilevi successivi all'incidente mostrano che il camionista non aveva bevuto sostanze alcoliche e non stava usando il telefono. Egli, inoltre, non ricorda nulla della dinamica dell'incidente.
In attesa del processo, la difesa dell'autista ha illustrato la sua spiegazione dell'incidente: una sindrome di apnea notturna, che può causare sonnolenza alla guida. Secondo una perizia, l'autista soffrirebbe in modo serio di questa patologia, anche se all'epoca dell'incidente non lo sapeva e questo disturbo può avere influito sulla dinamica dei fatti. Perciò, la difesa chiede il proscioglimento dell'imputato ancora prima del processo, sulla base anche di una precedente sentenza della Corte d'appello su un caso simile.
Il lrappresentante degli accusatori privati però si oppone a questa richiesta, affermando che la sindrome delle apnee notturne può essere non la causa, ma l'effetto dell'incidente e rilevando come l'autista durante l'inchiesta abbia affermato di non soffrire di malattie. La decisione sulla sorte del camionista spetta al presidente della Corte.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1691

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed