TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alis chiede marebonus per l’autotrasporto

E-mail Stampa PDF

L'associazione interviene sulle norme di attuazione del contributo al trasporto combinato strada-mare, che stanno arrivando in ritardo e in modo poco chiaro.


Grimaldi Eurocargo Barcellona navigaDopo l'intervento di Confitarma, anche Alis ha diffuso una nota sull'applicazione del contributo al trasporto combinato strada-mare, ammonendo che "sta naufragando". In particolare, il presidente dell'associazione del trasporto intermodale , Guido Grimaldi, afferma che "rimane difficile da comprendere il clamoroso e colpevole ritardo sul marebonus e soprattutto il permanere dell'incertezza sull'ammontare degli investimenti richiesti alle Compagnie di Navigazione per poter accedere agli incentivi da trasferire successivamente in larga parte agli autotrasportatori".
Anche Alis, come Confitarma, si sofferma sul concetto di "aiuto", che non è chiaro e la cui interpretazione può avere conseguenze diverse su armatori a autotrasportatori: "Mentre cresce la discussione interpretativa aumentano i disagi del settore, soprattutto quello dell'autotrasporto. Il buonsenso e la logica suggeriscono di insistere con la Commissione Europea per far avere i finanziamenti direttamente agli autotrasportatori, come previsto dal vecchio ecobonus". In questo modo, aggiunge Grimaldi "la misura rappresenterebbe un ottimo incentivo per tutta la catena logistica e consentirebbe alle aziende di autotrasporto di scegliere, nel rispetto dei principi del mercato europeo, l'operatore marittimo con cui imbarcare".
Grimaldi afferma anche che si stanno creando "evidenti disparità", ossia "da una parte si danneggiano alcuni operatori e dall'altra si finanziano, con oltre 70 milioni di euro, altri 'privilegiati'. C'è chi garantisce prestazioni e chi riceve senza onorare gli impegni assunti. Si altera cosi il mercato e la leale concorrenza e si fanno crescere disparità quando si premiano rendite di posizioni, spesso inspiegabili ed ingiustificate, e non chi ha messo in campo investimenti. Pionieri e costruttori di opportunità, fra gli armatori e le stesse compagnie dell'autotrasporto".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1313

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed