TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Porto di Trieste batte nuovo record nelle merci

E-mail Stampa PDF

Anche nel 2018 il porto giuliano mostra una crescita del tonnellaggio complessivo e dei container, dove supera la soglia dei 750mila teu, mentre cala leggermente il ro-ro.


Trieste porto vecchio altoLo scorso anno, il porto di Trieste ha movimentato complessivamente 62,7 milioni di tonnellate (+1,2% sull'anno precedente), cui si aggiungono i quattro milioni e mezzo di Monfalcone, gestito anch'esso dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale raggiungendo così un totale di oltre 67 milioni di tonnellate. La maggior crescita si registra nei container, dove Trieste ha toccato i 725mila teu, ossia un aumento del 18% sul 2017 e di ben il 49% sul 2016. Se consideriamo i teu equivalenti anche delle casse mobili e dei semirimorchi, il porto giuliano raggiunge 1,4 milioni di teu.
Però, preso singolarmente il traffico ro-ro cala dell'uno percento rispetto al 2017, mostrando 290mila unità transitate. Secondo l'Autorità portuale, questa flessione è causata dal crollo della moneta turca, che ha ridotto le importazioni da Istanbul. Cala dell'uno percento anche il traffico di rinfuse liquide, che tradizionalmente è uno dei più importanti per Trieste: "Siamo sempre meno dipendenti dalle rinfuse liquide, puntiamo a un porto multi-settoriale che guarda sempre più allo sviluppo dell'intermodalità e alla sostenibilità ambientale", commenta il presidente dell'ASP, Zeno D'Agostino. Aumentano invece le merci varie, del 7,3%, e le rinfuse solide, dell'1,6%.
Negli ultimi anni, l'Autorità portuale ha investito molto sui collegamenti ferroviari e i dati del 2018 mostrano buoni risultati: nel 2018 il porto ha movimentato quasi diecimila treni, con un aumento del 12% sull'anno precedente e l'Autorità prevede un'ulteriore crescita del dieci percento quest'anno. "Il treno è il leader indiscusso della nostra crescita e il porto di Trieste conferma nei numeri la scelta fatta a favore degli investimenti nelle infrastrutture ferroviarie che ammontano a 120 milioni in totale", afferma D'Agostino, che conclude: "Ripensare il sistema portuale mettendo al primo posto la ferrovia ha dato risultati importanti per i traffici e in termini di salvaguardia ambientale".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1014

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed