TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Via libera al salvataggio della Bottiglieri

E-mail Stampa PDF

La maggioranza dei creditori della compagnia Giuseppe Bottiglieri Shipping Company ha approvato il piano concordatario presentato dagli azionisti e dal fondo Bain.


Bottiglieri nave pruaAll'inizio di marzo 2018, la maggioranza dei creditori della società armatoriale Giuseppe Bottiglieri Shipping Company ha promosso il piano concordatario promosso dagli azionisti (la famiglia napoletana Bottiglieri) insieme al fondo di private equity Bain Capital. Il piano prevedeva in un primo momento l'intervento del fondo statunitense con un'iniezione di 120 milioni di dollari che successivamente, dopo un tentativo di presentazione di un piano concorrente da parte della società Lighthouse Ltd (partecipata da Augustea e da Oceanbulk), è stata elevata a 205 milioni al ricorrere di determinate condizioni. Un rialzo evidentemente apprezzato dal ceto bancario, che rappresenta circa l'80% dell'esposizione debitoria e che ha espresso parere favorevole al salvataggio della società in concordato preventivo.
Venerdì 2 marzo 2018 la Giuseppe Bottiglieri Shipping Company in una nota ha scritto: "La Corte d'Appello di Napoli, con provvedimento emesso il 26 febbraio 2018, ha dichiarato inammissibile l'istanza proposta da Lighthouse Limited al fine di vedere sospesa l'adunanza dei creditori e le conseguenti operazioni di voto. Queste operazioni, iniziate il 7 febbraio 2018, si sono regolarmente concluse il 27 febbraio 2018 sull'unica proposta di concordato preventivo ritenuta ammissibile dal Tribunale di Napoli e sottoposta al voto, vale a dire quella presentata dalla Giuseppe Bottiglieri Shipping Company".
L'azienda napoletana ha poi confermato che "la proposta della Giuseppe Bottiglieri Shipping Company è risultata approvata, avendo fatto registrare una larga maggioranza dei creditori. A questi ultimi, tra cui Banca Monte dei Paschi di Siena, Monte dei Paschi di Siena Capital Service, Banco di Napoli e UniCredit, la Giuseppe Bottiglieri Shipping Company esprime la propria gratitudine, avendo consentito, con il loro voto favorevole, a una azienda storica di restare in Italia e continuare a dare posti di lavoro a 340 persone". Ora spetterà al Tribunale di Napoli omologare la procedura di concordato preventivo della società.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1177

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed