Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Maersk cambia regole sulle merci pericolose


Nonostante non ci siano prove che l'incendio avvenuto lo scorso marzo a bordo della portacontainer Maersk Honam sia stato causato da merci pericolose e che, secondo la la compagnia, tutti i container siano stati accettati e stivati seguendo le norme dell'International Maritime Dangerous Goods, Maersk dopo quell'incidente ha rivisto le norme sull'imbarco delle merci pericolose, in collaborazione con l' American Bureau of Shipping. La compagnia danese ritiene che debbano essere riviste le norme sullo stivaggio delle merci pericolose per proteggere meglio l'equipaggio, il carico, l'ambiente e le nevi stesse, ha dichiarato Ole Graa Jakobsen, responsabile della parte tecnologica delle flotta Maersk.
La compagnia si è già mossa in modo autonomo. Per prima cosa, ha individuato sei diverse aree nella stiva, classificandole secondo il rischio causato dalle merci pericolose, poi ha disposto che i container caricati con prodotti soggetti all'International Maritime Dangerous Goods non devono più essere caricati vicino alle due zone ritenute di minore tolleranza al rischio, ossia gli alloggi dell'equipaggio e i motori. In linea generale, sono ritenute poco adatte alle merci pericolose le zone sottocoperta e al centro della nave, mentre quelle più adatte sono i ponti di prua e poppa. Per ognuna delle sei zone, Maersk ha definito quali numeri Onu possono accogliere.
La compagnia danese ha illustrato queste considerazioni anche all'IMO, con il fine di cambiare la normativa sulle merci pericolose, chiedendo la collaborazione delle altre compagnie marittime per definirle, perché gli incendi sulle portacontainer sono un problema per l'intero settore dello shipping.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.