Array ( [0] => 12 )

Primo piano

  • I traffici container nel Mediterraneo si avvicinano all’Italia

    I traffici container nel Mediterraneo si avvicinano all’Italia

    L’edizione 2020 del rapporto Italian Maritime Economy realizzato da Srm mostra come il baricentro delle rotte dei container sta lentamente spostandosi verso le nostre coste, favorendo i porti della Penisola. Che però sono frenati dai collegamenti verso l’entroterra.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Perizia sul crollo Morandi conferma la scarsa manutenzione

Il lavoro dei quattro periti nominati dal Gip di Genova, Angela Nutini, per indagare sulle cause del crollo del ponte Morandi di Genova che il 14 agosto del 2018 causò la morte di 43 persone ha prodotto una relazione di cinquecento pagine da cui emerge che il crollo del viadotto sarebbe stato causato dalla corrosione della parte sommitale del tirante della pila 9. È la conferma di una delle prime ipotesi, da cui deriva che alla base del crollo ci sia stata una manutenzione inadeguata.

Lo afferma la relazione stessa: “Se i controlli e le manutenzioni fossero stati eseguiti correttamente”, compresi interventi di retrofitting, “con elevata probabilità avrebbero impedito il crollo”. La rottura del tirante, che ha causato il collasso della struttura, sarebbe infatti derivata dalla elevata corrosione. La relazione dei periti cita direttamente la società Autostrade per l’Italia che “avrebbe dovuto avere una conoscenza adeguata di come l’opera era stata costruita”. Tale conoscenza, aggiungono i periti, “avrebbe permesso di individuare il grave difetto costruttivo nell’ultimo tratto del tirante, in corrispondenza della sommità dell’antenna, consentendo di prevedere e tenere sotto controllo il processo di degrado”.

Lo stesso progettista del ponte, Riccardo Morandi, aveva ammonito a tenere sotto controllo il possibile la corrosione dei cavi d’acciaio e i tecnici avevano rilevato fin dal 1985 “un già diffuso stato di ammaloramento e proposto modifiche non sempre e non compiutamente accolte”. Nel 1993 vennero attuati interventi nelle pile 9 e 10, ma la relazione precisa che da tale data “non sono stati eseguiti interventi che potessero arrestare il processo di degrado in atto e/o di riparazione dei difetti presenti nelle estremità dei tiranti che, sulla sommità del sud-lato Genova della pila 9, erano particolarmente gravi”.

La carenza di controlli e interventi di manutenzione hanno interessato soprattutto la pila 9, quella che ha causato il collasso del ponte, per la quale la società Autostrade aveva previsto il retrofitting, però mai realizzato. Secondo i periti è mancato “un coordinamento ingegneristico in grado di raccogliere e confrontare tra loro tutte le informazioni disponibili che, seppur incomplete, dovevano destare un ben maggior allarme sullo stato dell’opera”.

I periti citano anche l’ipotesi diffusa poche ore dopo il crollo del ponte che metteva sotto accusa un autoarticolato transitato sul ponte durante il crollo, sostenendo che l'evento fosse stato causato da un coil caduto dal veicolo. La relazione esclude tale possibilità: “Le analisi svolte portano ad escludere con elevata probabilità l’ipotesi che il coil possa essere caduto dal tir mentre quest’ultimo transitava a cavallo del giunto tra la pila 9 e il tampone 10”. aggiungendo che “la posizione a terra del semirimorchio e del coil sono pienamente compatibili con l’ipotesi che i due corpi siano precipitati entrambi insieme fino a giungere al suolo”.

Alla domanda se ci possano essere elementi indipendenti dalla manutenzione che possano aver causato il collasso del ponte, i periti rispondono negativamente. Le conclusioni dei quattro esperti – due docenti del Politecnico di Milano e due dell’Università di Pisa – saranno discusse durante l’incidente probatorio sulle cause del crollo, nell’ambito dell’inchiesta ancora in corso da parte della Procura di Genova. Le udienze ricominceranno a gennaio 2021.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: la grande trappola del Kent

    K44 podcast: la grande trappola del Kent

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto racconta i tre giorni che hanno intrappolato migliaia di veicoli industriali nella regione inglese del Kent alla vigilia di Natale con le testimonianze di chi li ha vissuti.

Mare

TECNICA

Gli Usa si preparano alla guida autonoma dei camion

TECNICA

UE finanzia con 20 milioni il camion autonomo

TECNICA

Uber vende la divisione sulla guida autonoma

TECNICA

Ford Trucks amplia la gamma dei camion in Italia

TECNICA

Appare il prototipo del Nikola Tre costruito in Europa
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

In fiamme piattaforma logistica di Amazon a Milano

LOGISTICA

Total ed Engie produrranno idrogeno da fonti rinnovabili in Francia

LOGISTICA

Grendi potenzia logistica e rotte per la Sardegna

LOGISTICA

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

LOGISTICA

C’è poca logistica nella bozza di Recovery Plan
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit ostacola il trasporto espresso verso la Gran Bretagna

BREXIT

Primi problemi per l’autotrasporto dopo la Brexit

BREXIT

Aumentano i prezzi dell’autotrasporto per la Gran Bretagna

BREXIT

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

BREXIT

Prime multe ai camion a causa della Brexit
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

K44 podcast: la grande trappola del Kent

CAMIONSFERA

Sindacati francesi mobilitano gli autisti di veicoli industriali

CAMIONSFERA

Scoperti 22 kg di cocaina su un camion bulgaro

CAMIONSFERA

Italia e Germania alleate contro i divieti dell’Austria

CAMIONSFERA

Il mercato dei veicoli industriali limita le perdite del 2020

CAMIONSFERA

Il britannico Consortium Purchasing ordina 2250 camion Scania

CAMIONSFERA

Sequestrato un panino al prosciutto a camionista proveniente da GB

CAMIONSFERA

Massicci investimenti delle ferrovie russe sull’asse Europa-Asia

CAMIONSFERA

Consegnati in Italia i primi nuovi Scania V8 da 770 CV

CAMIONSFERA

Prosegue l’obbligo del test Covid-19 da GB alla Francia

CAMIONSFERA

Il Salone del trasporto per l’edilizia è rinviato al 2023

CAMIONSFERA

Multa di 9700 euro in Danimarca per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Aspi estende chiusura caselli Genova fino a 11 gennaio

CAMIONSFERA

CNH tratta con la cinese FAW per la vendita d’Iveco

CAMIONSFERA

Camionisti indagati per segnalare posti blocco Polizia
previous arrow
next arrow
Slider