Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Affidato appalto da un miliardo per il Brennero


La costruzione della galleria ferroviaria del Brennero entra nel vivo con l'assegnazione del più grande lotto previsto finora sul versante austriaco, ossia quello tra Pfons e Brennero, che comprende 37 chilometri di galleria principale, nove chilometri per un tunnel d'esplorazione e una stazione d'emergenza. I lavori per questo macro-lotto dureranno sei anni e costeranno 966.058.438,46 euro. Ha vinto la gara un consorzio formato dalle imprese di costruzione Porr Bau, G. Hinteregger & Söhne Baugesellschaft, Società Italiana per Condotte d'Acqua e Itinera, che ha presentato la migliore offerta. L'assegnazione definitiva arriva dopo una serie di ricorsi sull'esito della gare presentati dai concorrenti al Tribunale Amministrativo federale austriaco, tutti respinti.
Sono già aperti quattro cantieri per costruire la galleria del Brennero sul versante austriaco e su quello italiano. Finora sono stati scavati 23 chilometri del tunnel principale, 29 chilometri del tunnel esplorativo e costruiti 28 chilometri tra strade d'accesso, di soccorso e per la logistica di cantiere. Si sta lavorando anche all'ampliamento delle stazioni di Innsbruck e Franzensfeste.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • Confetra vuole più risorse per i porti

    Confetra vuole più risorse per i porti

    Commentando il Decreto Rilancio, il presidente di Confetra riconosce passi in avanti sulle agevolazioni fiscali, ma chiede maggiori risorse per i porti e un processo di semplificazione.

Mare