Array ( [0] => 9 )

Primo piano

  • Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Iru chiede riduzione dell’età per patenti superiori

    Per affrontare la carenza di autisti, l’organizzazione mondiale dell’autotrasporto Iru chiede ai Governi di abbassare l’età per ottenere le patenti e le certificazioni per autista di veicoli industriali a diciotto anni.

Podcast K44

Normativa

Autotrasporto autoveicoli ancora fermo

Si apre la seconda settimana di "sciopero" dell'autotrasporto su bisarca, che finora ha quasi fermato la logistica automotive in Italia. I piazzali degli stabilimenti e dei porti sono ormai colmi di automezzi che non vengono consegnati alle piattaforme ed ai concessionari.

Bisarche Unite, l'associazione degli autotrasportatori di autoveicoli aderente a TrasportoUnito, prosegue ad oltranza il fermo della categoria che, secondo il responsabile Beniamino Ermocida, "sta ottenendo un'adesione pressoché totale della categoria". Ermocida ricorda i 40 giorni di fermo del 1996 per evidenziare la determinazione a proseguire finché non si svolgerà un incontro con la committenza, che in questo caso è rappresentata soprattutto dall'Anita.

Il fermo, infatti, riguarda le piccole e medie imprese del settore, che lavorano per gli autotrasportatori più grandi, che a loro volta hanno come committenti le società logistiche che siglano contratti con i produttori automobilistici. "Siamo molto determinati, anche perché con l'attuale livello tariffario, molti vettori perdono più a far viaggiare i camion che a tenerli fermi", precisa Ermocida. Prima dell'inizio del fermo, Anita aveva dichiarato di essere disposta ad un incontro per il 27 febbraio, purché Bisarche Unite sospendesse il fermo, mentre l'associazione dei bisarchisti aveva risposto chiedendo un incontro prima del 20 febbraio (data d'inizio del fermo). Da quel momento, le parti non hanno dialogato.

Secondo Ermocida, il fermo si sta svolgendo senza tensioni. La maggior parte delle piccole e medie imprese sarebbe ferma, mentre circolerebbero – seppure con difficoltà - alcuni camion di quelle imprese committenti, come Mercurio o Bertani, che usano sia una propria flotta, sia subvettori. "Credo che durante questa settimana possa sbloccarsi la situazione, perché ormai tutti i piazzali sono pieni. Avevamo messo in conto dieci o quindici giorni di braccio di ferro, ma quando la Fiat non saprà più dove mettere gli autoveicoli che escono dalla catene di montaggio, dovrà scegliere tra mandare a casa gli operai o spingere i suoi trasportatori primari a trattare con i loro subvettori", conclude Ermocida.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

Sponsorizzato

  • Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee

    Il progetto ADRIPASS ha lo scopo di migliorare l’accessibilità delle reti di trasporto europee con connessioni più efficienti dai porti dell’Adriatico all’entroterra e riducendo i tempi di attese alle frontiere dei Balcani. Ne parla una conferenza online il 2 dicembre.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Due gru ferroviarie al PSA Pra’

    Il terminal container PSA Pra’ del porto di Genova ha messo in servizio due gru di ferrovia, che hanno richiesto un investimento di sette milioni di euro. Contribuiscono ad aumentare il trasporto su rotaia dei contenitori.