Array ( [0] => 21 )

Primo piano

  • Pronti dieci camion elettrici Lion per Amazon

    Pronti dieci camion elettrici Lion per Amazon

    Entro la fine del 2020 il costruttore canadese Lion Electric consegnerà ad Amazon i primi due esemplari del suo autocarro elettrico e altri otto seguiranno nel 2021. La compagnia ferroviaria CN firma un ordine per cinquanta trattori.

Podcast K44

Normativa

Chiarimenti su gasolio per consorzi e coop d’autotrasporto

Confartigianato Trasporti comunica che il 12 giugno 2019 l'Agenzia delle Entrate ha accolto la proposta giuridica presentata dalla stessa confederazione e dalla Cna per permettere agli autotrasportatori che aderiscono a un consorzio o a una cooperativa di dedurre o detrarre le spese per i carburanti, purché con "alcune cautele". La richiesta è partita dalle disposizioni della Legge di Bilancio 2018, che riguardano l'obbligo di tracciare i pagamenti su tali acquisti quando sussistono rapporti di debito o credito tra i soggetti interessati all'operazione.
Confartigianato Trasporti spiega che l'Agenzia "ha confermato che è possibile la deducibilità dei costi e la detraibilità dell'Iva per l'acquisto dei carburanti e lubrificanti per autotrazione effettuati dagli autotrasportatori tramite consorzi e cooperative, seppure con alcune cautele che rientrano, comunque, nelle modalità esecutive già poste in essere dagli operatori (consorzi/cooperative e soci)".
L'associazione dell'autotrasporto aveva presentato un caso concreto, ossia quello di un consorzio o di una coop che acquista il carburante per tutti i suoi associati, cui poi lo rivende, generalmente a prezzi più contenuti. In questo caso, "il pagamento del carburante non avviene puntualmente in relazione ad ogni singola fattura, bensì mediante compensazione tra crediti che gli associati vantano nei confronti dell'ente (per i servizi svolti per conto dello stesso) ed i debiti relativi alle cessioni di carburanti effettuate a favore degli associati medesimi". In questa situazione "il risultato di tale rapporto di conto corrente espone il pagamento di una somma a favore di uno dei due soggetti, previa annotazione in un conto analitico".
L'associazione ha quindi chiesto all'Agenzia delle Entrate di confermare la legittimità di questo sistema nell'ambito dell'obbligo di tracciamento dei pagamenti, considerando che tutte le fatture sono elettroniche e che gli importi non compensati tra consorzi o coop e gli associati sono svolti con mezzi tracciabili. "L'Agenzia delle Entrate ha precisato che sebbene il pagamento del corrispettivo avvenga in un momento diverso rispetto alla cessione del carburante o sia effettuato dal soggetto passivo d'imposta in via mediata, la detrazione e la deducibilità sono riconosciuti qualora il pagamento sia riferibile al soggetto passivo secondo una catena ininterrotta di corresponsioni con strumento comunque tracciabili con una delle modalità previste dal provvedimento n. 73203/2018 (cioè, con un pagamento diverso dal contante)", conclude Confartigianato Trasporti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

  • Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio

    A due anni dalla sua introduzione in Italia, il servizio di trasporto espresso di pallet Astre Plus si espande anche all’estero. Il direttore Davide Napolitano spiega le caratteristiche che lo distinguono dai servizi tradizionali e i vantaggi per affiliati e clienti.

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    Tirrenia vuole chiudere alcune rotte con la Sardegna

    L’amministratore delegato di Tirrenia, Massimo Mura, ha annunciato che dal 1° dicembre la compagnia eliminerà alcuni collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna a causa dell’incertezza sulla proroga della convenzione.