TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Wielton apre in Italia una nuova società di rimorchi

E-mail Stampa PDF

Wielton semirimorchio ribaltabile cavaIl costruttore polacco di rimorchi per veicoli industriali ha creato un'impresa italiana, Italiana Rimorchi, che sarà lo strumento per l'acquisizione dei marchi della Compagnia Italiana Rimorchi. L'esordio ufficiale avverrà al Transpotec di Verona.


Come anticipato da TrasportoEuropa, il gruppo polacco Wielton intende rilevare la Compagnia Italiana Rimorchi, con i suoi storici marchi (ossia Viberti, Cardi, Piacenza, Daytona e Merker). Siccome la Cir è in concordato preventivo dal un anno, la procedura per acquistare i marchi e gli impianti produttivi è piuttosto complessa e deve comunque passare da una gara organizzata dal Tribunale di Verona. Ma Wielton intende muoversi rapidamente, per esordire già al Transpotec di Verona, che si svolgerà dal 16 al 19 aprile prossimi.
Così, il gruppo polacco ha creato una propria società in Italia, denominata Italiana Rimorchi (che si affianca alla Wielton Italia Srl, che commercializza i prodotti polacchi) che ha chiesto al Tribunale di Verona l'utilizzo dei marchi della CIR e – secondo fonti sindacali – anche l'affitto del ramo d'azienda.
Da quanto ci risulta, il Tribunale deve ancora decidere sulla questione, intanto però Italiana Rimorchi risulta già nel catalogo ufficiale del Transpotec. In una nota diffusa il 18 marzo 2015, Italiana Rimorchi anticipa che nello stand saranno esposti un semirimorchio ribaltabile in alluminio marcato Cardi (costruito da Wielton) e un centinato marcato Viberti 38S20PR con telaio in acciaio e portellone in alluminio.
Non è però ancora chiaro quale sarà il futuro degli stabilimenti e dei lavoratori della Compagnia Italiana Rimorchi, attualmente in cassa integrazione. In queste prime informazioni ufficiali, infatti, la Wielton parla di utilizzo del marchio, ma non c'è alcun accenno ad un'eventuale produzione in Italia. In una dichiarazione ufficiale, il presidente della Wielton Jarosław Andrzej Szczepek resta generico: "Siamo un produttore riconoscibile e molto rispettato in Polonia e in Europa Orientale. Allo stesso tempo, però, siamo una società globale, ed è quindi per noi naturale estendere la nostra sfera di influenza verso Sud e verso Ovest. L'Italia è la prima direzione su cui stiamo lavorando, e questo ci sta spingendo a intraprendere ulteriori azioni".
Wielton ha sede a Wieluń, nella regione polacca di Łódź e produce 6500 rimorchi e semirimorchi l'anno, con una specializzazione in ribaltabili posteriori e dei centinati. L'azienda esporta in trenta Paesi e produce in uno stabilimento automatizzato che impiega 1200 persone.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 7563

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed