TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Germania multa camionisti che non conoscono il tedesco

E-mail Stampa PDF

La Fai comunica che un'impresa di autotrasporto italiana che svolgeva un trasporto eccezionale in Germania è stata multata perché il conducente del camion non parla il tedesco a livello adeguato. L'associazione chiede provvedimenti analoghi in Italia.


Germania polizia auto dettaglioUn autista di camion deve sapere parlare "in modo adeguato" la lingua di ogni Paese che attraversa? La risposta positiva a questa domanda implica l'estinzione dell'autotrasporto internazionale, perché ovviamente nessun autista potrà mai conoscere le lingue dei vari territori che attraversa, quindi questa pretesa appare assurda. Ma no a una pattuglia della Polizia tedesca, che ha multato con 5000 euro un conducente italiano che svolgeva un trasporto eccezionale in Germania proprio perché non ha una conoscenza "adeguata" della lingua tedesca. In realtà, l'infrazione contestata non è la mancanza di competenze linguistiche, ma la "concorrenza sleale", secondo quando afferma la Fai di Milano. La Polizia pretende quindi che l'autotrasportatore straniero deve "effettuare il trasporto in maniera conforme alle normative vigenti, con un'altra persona, ovvero un altro autista, di lingua tedesca", citando gli articoli 46 e 49 del Codice della Strada tedesco.
L'associazione dell'autotrasporto aggiunge che il titolare dell'impresa di autotrasporto italiana ha presentato ricorso contro la sanzione sulla base del principio di libera circolazione delle merci, ma lancia l'allarme perché anche la Francia sta pretendendo che gli autisti del trasporto eccezionale parlino la lingua locale. Vista questa situazione, il vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, chiede al ministro dell'Interno di applicare sanzioni agli autisti stranieri che non conoscono l'italiano, "salvo vi sia un intervento immediato delle Autorità comunitarie che impedisca, questo atto illegittimo". Secondo Uggè, "fino a che queste normative non verranno cassate chiediamo diventino vigenti anche nel nostro Paese. Un risultato si otterrà: mettere un freno all'invasione di imprese estere, soprattutto dell'est, che si muovono sulle nostre strade e quando incappano in un controllo fingono di non comprendere la lingua italiana, così riuscendo spesso a farla franca".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 5168

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed