TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ministero Trasporti in ritardo sui simulatori di guida

E-mail Stampa PDF

Le norme comunitarie e quelle italiane hanno già approvato l'uso dei simulatori di guida per conseguire o rinnovare la CQC, ma per utilizzarli manca l'accreditamento da parte del ministero.


Simulatore guida camion aperto autistaIl simulatore di guida ha già dimostrato di essere un valido strumento per le diverse fasi della formazione degli autisti di veicoli industriali, dal conseguimento della patente e della CQC all'aggiornamento. Questo strumento ha il pregio di mettere l'autista di fronte a situazioni che sono difficilmente riproducibili su strada e che comporterebbero pericoli per l'autista o gli altri utenti della strada. Per esempio, il formatore può vedere come il conducente reagisce in situazioni d'emergenza, come la rottura dei freni durante una discesa, l'esplosione di uno pneumatico e una manovra improvvisa su una strada ghiacciata. Per questo motivo, la normativa comunitaria e nazionale hanno approvato l'uso del simulatore per le attività di guida individuali degli autisti che vogliono conseguire o aggiornate la Carta di Qualificazione del Conducente.
Le principali norme sono la Direttiva UE 2018/645 che modifica la Direttiva 2003/59, il decreto del ministero dei Trasporti del 20 settembre 2013 e il Decreto Dirigenziale del 12 aprile 2018, che fornisce dettagli sul Decreto dei Trasporti del 31 maggio 2017. Ma questo corpo normativo non basta per portare il simulatore di guida ai corsi per la CQC, perché manca un altro tassello: l'accreditamento da parte del ministero dei Trasporti, che non è ancora stato attuato ed è ritenuto "non procrastinabile" dagli operatori della formazione. Già ora, infatti, tutte le autoscuole italiane che hanno presentato i progetti per l'inserimento del simulatore di guida nelle proprie realtà produttive hanno ottenuto l'assegnazione del voucher per la digitalizzazione, quindi sarebbero pronte a partire.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1048

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed