TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Partono lavori per nuovo scalo merci di Segrate

E-mail Stampa PDF

Il Comune lombardo approva l'ampliamento del terminal ferroviario che rientra nel programma Teralp.


Ferrovie Stato locomotori fronteDopo anni di strenua opposizione portata avanti dagli abitanti, i lavori per il nuovo scalo merci ferroviario di Segrate che fa parte del progetto Teralp, partecipato dal Gruppo Ferrovie dello stato italiane e da Hupac, possono partire. Lo hanno rivelato alcune testate locali, spiegando che l'iter dell'approvazione si è concluso dopo che l'esecutivo del sindaco Paolo Micheli ha firmato la convenzione urbanistica e, nei giorni scorsi, l'ufficio tecnico del Comune ha rilasciato i permessi per costruire. A questo punto non ci sarebbero più ostacoli alla costruzione del nuovo centro di interscambio ferro-gomma che sorgerà su una superficie di 240mila metri quadri.
La struttura sarà quattro volte più grande rispetto al terminal esistente, meglio noto come Milano Smistamento, e movimenterà 395mila container all'anno. I traffici generati produrranno una circolazione in zona, secondo i detrattori, di circa duemila veicoli industriali al giorno.
Per sbloccare l'iter e convincere la nuova giunta comunale pare che il Gruppo Fsi e il Governo abbiano messo sul piatto come contropartita due impegni: 50 milioni di euro per riqualificare l'ultimo tratto della Rivoltana e la chiusura dello scalo merci di Redecesio. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Giorno, i fondi sarebbero stati inseriti nella Legge di Bilancio 2018, approvata lo scorso 23 dicembre al Senato, mentre la società Rfi, proprietaria degli impianti ferroviari italiani e che insieme alla società svizzera Hupac realizzerà il nuovo terminal intermodale, avrebbe firmato un accordo con cui si impegna a dismettere l'attuale scalo merci di Redecesio entro sei mesi dalla messa in funzione del primo lotto, che dovrebbe essere concluso entro il 2020.
Il nuovo scalo intermodale di Segrate rientra nel più ampio disegno di sviluppo infrastrutturale che trae origine del nuovo tunnel del San Gottardo e che prevede per la parte italiana del corridoio ferroviario Genova- Rotterdam lo sviluppo di tre terminali a Brescia, Piacenza e, appunto, a est di Milano.

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1721

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed