Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • K44 podcast: Interporto Verona potenzia i controlli sui camion

    K44 podcast: Interporto Verona potenzia i controlli sui camion

    A luglio è iniziata la collaborazione tra l’Interporto di Verona e la Polizia Locale per aumentare la quantità e la qualità dei controlli sui veicoli industriali. Nel primo mese comminate oltre cento sanzioni. E inizia la sperimentazione del controllo da remoto del cronotachigrafo. Ne parla questo episodio del podcast K44 …

Podcast K44

Normativa

Cronaca

Autotrasporto

  • K44 podcast, trasporto carburante antifrode e sicuro

    K44 podcast, trasporto carburante antifrode e sicuro

    Per contrastare le frodi sul carburante e aumentare la sicurezza del trasporto, il Consorzio Transadriatico ha avviato il programma Legalità & CaloZero, che prevede speciali sigilli a fibra ottica nelle autocisterne. Lo descrive il presidente Natalino Mori in questo episodio del podcast K44.

    Armamento italiano tra crisi e opportunità


    Nell'industria dello shipping in Italia c'è chi vive mesi di apprensione e chi, invece, inizia a tirare un sospiro di sollievo dopo anni di crisi. I primi sono gli armatori (e più in generale gli addetti ai lavori) che operano nel dry bulk, vale a dire il trasporto marittimo di rinfuse secche (carbone, granaglie, minerali di ferro, ecc.), i secondi sono quelli che operano nel liquid bulk, il business del trasporto di rinfuse liquide (petrolio, prodotti raffinati, olii, ecc.).
    In occasione del Shipbrokers & Shipagents Dinner tenutosi a Genova a conclusione della Genoa Shipping Week, il presidente di Assagenti ha parlato di un armamento italiano che "sta cercando di resistere in questo periodo di crisi sfruttando da un lato i benefici del modello di business familiare, vale a dire non aver investito in un numero di navi spropositato quando il mercato era ai massimi, dall'altro però esistono anche limiti evidenti imposti dalla dimensione aziendale che non permette certe economie di scala possibili invece sui grandi numeri".
    Secondo Duci in questa fase di mercato "stanno emergendo chiaramente tre campioni: il Gruppo Grimaldi di Napoli, il gruppo d'Amico e Costa Crociere. Sono queste le uniche realtà italiane che negli ultimi tempi hanno avviato ambiziosi programmi di sviluppo delle flotte in controtendenza rispetto a molti altri operatori alle prese con ristrutturazioni aziendali e vendite di asset. Un quarto italiano costantemente in mostra sul mercato è il Gruppo Msc che però ha sede in Svizzera anche se non bisogna dimenticare l'indotto che crea nel nostro Paese con società come Grandi Navi Veloci e Snav che sono italiane a tutti gli effetti". Il presidente dell'associazione agenti marittimi e broker genovesi intravede un futuro roseo nei prossimi anni soprattutto per il mercato dei traghetti e delle navi ro-ro impiegate nei traffici intra-mediterranei.
    Positivo, in questo periodo, è anche l'andamento delle navi cisterna perché, come spiega Matteo Tomarchio, broker di banchero costa, "le navi che trasportano prodotti raffinati e greggio hanno ottenuto significativi incrementi dei noli negli ultimi mesi. A questo bisogna poi aggiungere il calo del costo del carburante navale, il basso prezzo del petrolio e lo spostamento dei maggiori centri di raffinazione in Medio Oriente, fattori determinanti per allungare il rapporto tonnellate/miglia del trasporto marittimo, aumentare i noli e migliorare i margini di guadagno per gli armatori". In particolare, secondo Tomarchio le navi che in questo momento hanno le migliori prestazioni sono le cisterne Medium Range mentre in prospettiva futura potranno generare importanti ritorni soprattutto le navi Long Range di portata ancora maggiore.
    Buio profondo, invece, per gli armatori attivi nel dry bulk il cui indice Baltic Dry Index fatica a tornare stabilmente sopra i 1000 punti dopo mesi di livelli a dir poco depressi. L'armatore partenopeo Michele Bottiglieri, parla di "un mercato che non offre segnali incoraggianti, appesantito dal prezzo in calo delle materie prime e zavorrato dall'eccesso di stiva disponibile sul mercato. Neanche il ritmo attuale delle demolizioni navali è sufficiente a riequilibrare domanda e offerta". Bottiglieri sembra rassegnato all'evolversi degli eventi perché, spiega, "sarebbe ora il momento d'investire con i prezzi delle navi al minimo e invece ci si trova tutti a gestire una crisi di mercato nella quale anche le banche sono fuggite. Fra il 2005 e il 2008 ci inseguivano per darci soldi da investire e ora gli armatori sono tutti cattivi".
    Che gli istituti di credito italiani e stranieri abbiano battuto in ritirata non è un mistero ma Francesco Fuselli, amministratore delegato di banchero costa ed esperto di finanziamenti navali dice che "sui pochi nomi di società italiane che investono c'è la coda di banche che vogliono prestare denaro. La finanza metterebbe a disposizione fondi per progetti validi e società solide ma il problema è che molte aziende sono ancora alle prese con ristrutturazioni o non hanno a disposizione denaro sufficiente ad avviare nuovi programmi d'investimento". Le alleanze tra fondi d'investimenti e società armatoriali sono, secondo Fuselli, "più che una possibilità, un'esigenza. Molti armatori, italiani ma non solo, non avranno probabilmente se vorranno tornare a investire nel medio-breve termine".
    Il fatto che l'armamento italiano in questo periodo sia impegnato più a dismettere asset che ad acquistarne è confermato anche da Paolo Cartasegna, esperto broker di compravendita di Genoa Sea Brokers che dice: "Abbiamo ricevuto incarichi per vendere molte navi italiane non più moderne ma il mercato in questo momento è ribassista, il dry bulk soprattutto è in sofferenza, i prezzi delle demolizioni navali sono scesi e dunque i prezzi degli asset risultano in flessione".

    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

     

Videocast K44

Sponsorizzato

  • Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Cosa offre Amazon Relay ai trasportatori

    Amazon necessita di sempre maggiore capacità di trasporto, che viene alimentata grazie ad un programma dedicato, chiamato Amazon Relay. Ecco come funziona e come le imprese di autotrasporto vi possono aderire.
Quando il semirimorchio produce energia

TECNICA

Quando il semirimorchio produce energia
Il videocast K44 racconta le innovazioni del Solutrans

TECNICA

Il videocast K44 racconta le innovazioni del Solutrans
Scania svela telecamere retrovisori e serbatoio a goccia

TECNICA

Scania svela telecamere retrovisori e serbatoio a goccia
Contenitore per trasporto aereo fino a -70°

TECNICA

Contenitore per trasporto aereo fino a -70°
Ford Trucks entra nei servizi municipali

TECNICA

Ford Trucks entra nei servizi municipali
previous arrow
next arrow
Dsv crea rete logistica automatica e connessa per e-commerce

LOGISTICA

Dsv crea rete logistica automatica e connessa per e-commerce
Dhl Express prova camion a idrogeno nel Benelux

LOGISTICA

Dhl Express prova camion a idrogeno nel Benelux
Il mondo del trasporto teme restrizioni per la variante Omicron

LOGISTICA

Il mondo del trasporto teme restrizioni per la variante Omicron
Gls apre centro di smistamento a Padova

LOGISTICA

Gls apre centro di smistamento a Padova
Frode fiscale e truffa nella logistica a Ferrara

LOGISTICA

Frode fiscale e truffa nella logistica a Ferrara
previous arrow
next arrow
Il nuovo terminal di Calais non piace a traghetti e camion

BREXIT

Il nuovo terminal di Calais non piace a traghetti e camion
Pescatori francesi hanno bloccato le merci nella Manica

BREXIT

Pescatori francesi hanno bloccato le merci nella Manica
Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale

BREXIT

Gran Bretagna allenta i lacci del cabotaggio stradale
Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB

BREXIT

Italmondo crea sdoganamento in Belgio per trasporti in GB
Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna

BREXIT

Peggiora la crisi logistica in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Il progetto Rail Baltica fa un passo avanti in Lettonia

CAMIONSFERA

Il progetto Rail Baltica fa un passo avanti in Lettonia
Controlli sugli autisti dei corrieri in Belgio

CAMIONSFERA

Controlli sugli autisti dei corrieri in Belgio
Iru chiede provvedimenti UE contro l’Austria sul Brennero

CAMIONSFERA

Iru chiede provvedimenti UE contro l’Austria sul Brennero
La Slovenia potenzia l’asse centrale delle ferrovie

CAMIONSFERA

La Slovenia potenzia l’asse centrale delle ferrovie
31 miliardi per la rete Fs, ma molte opere sono sulla carta

CAMIONSFERA

31 miliardi per la rete Fs, ma molte opere sono sulla carta
Operatori in campo per superare i limiti dell’AlpTransit

CAMIONSFERA

Operatori in campo per superare i limiti dell’AlpTransit
Undici arresti a Piacenza per sfruttamento di cento autisti

CAMIONSFERA

Undici arresti a Piacenza per sfruttamento di cento autisti
Webuild in soccorso degli austriaci per il Brennero

CAMIONSFERA

Webuild in soccorso degli austriaci per il Brennero
Polonia semplifica l’immigrazione degli autisti extra-UE

CAMIONSFERA

Polonia semplifica l’immigrazione degli autisti extra-UE
Carabinieri scoprono false patenti polacche

CAMIONSFERA

Carabinieri scoprono false patenti polacche
In Austria nuova tratta della Westbahn a quattro binari

CAMIONSFERA

In Austria nuova tratta della Westbahn a quattro binari
UE proroga le eccezioni al tempo di guida in Germania

CAMIONSFERA

UE proroga le eccezioni al tempo di guida in Germania
Cambia il protocollo Covid-19 per l’autotrasporto

CAMIONSFERA

Cambia il protocollo Covid-19 per l’autotrasporto
Iveco accelera l’ingresso in Borsa

CAMIONSFERA

Iveco accelera l’ingresso in Borsa
Per Bureau Veritas sono a rischio 1900 ponti in Italia

CAMIONSFERA

Per Bureau Veritas sono a rischio 1900 ponti in Italia
previous arrow
next arrow