Array ( [0] => 26 )

Primo piano

  • Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Romania vuole chiarimenti sul nuovo riposo autisti

    Il 20 agosto 2020 entrerà in vigore il primo Regolamento della riforma europea dell’autotrasporto e l’associazione degli autotrasportatori rumena Untrr chiede all’UE chiarimenti sul rientro degli autisti.

Podcast K44

Normativa

Porto di Trieste potenzia i treni con l’Austria

Treno container al porto di Trieste (Fonte: Autorità portuale, foto di Roberto Pastrovicchio)

Nella settimana precedente a Pasqua, Alpe Adria, TO Delta e Rail Cargo Operator hanno aumentato la frequenza dei treni merci intermodali tra il porto di Trieste e alcuni importanti hub austriaci. “In questa situazione, la ferrovia continua a dimostrarsi il nostro asset vincente”, afferma il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Zeno D’Agostino. “Da subito ci siamo attivati, portando avanti soluzioni che possano garantire continuità e affidabilità dei traffici su scala internazionale.”

In concreto, Trieste ha aggiunto un treno completo che da Trieste triangola Vienna e Linz con due circolazioni a settimana; un treno diretto tra Trieste e Vienna, dedicato soprattutto alla Msc, con una circolazione a settimana; un treno diretto che collega Trieste e Salisburgo, fino a due circolazioni settimanali; un collegamento ad hoc a carro singolo che funge da riserva per domanda di volumi aggiuntivi, che collega Wolfurt, Salisburgo, Linz e Vienna.

Il porto ha potenziato anche il collegamento con la Repubblica Ceca, dedicato soprattutto alle imprese del territorio circostante, attivando una tradotta interna, nata dalla collaborazione tra Adriafer e Alpe Adria, che inoltra sia le unità intermodali cariche di prodotti industriali, sia i semirimorchi e le casse mobili sbarcate dalle navi ro-ro della compagnia Dfds. In questo modo è possibile trasferire più facilmente dalla strada alla rotaia le spedizioni verso la Repubblica Ceca, superando le difficoltà dell’autotrasporto causate dalle limitazioni o dalle chiusure dei confini.

L’Autorità portuale sta occupandosi anche dell’arrivo di container dall’Asia, che potrebbero intasare gli spazi portuali, offrendo collegamenti multimodali a breve distanza e stoccaggio negli interporti di Trieste, Cervignano e dell’area logistica di FREEeste, grazie anche ai vantaggi offerti dal Punto Franco per l’area triestina. “Proprio in questi giorni stiamo lavorando con importanti player industriali per identificare soluzioni che posizionano Trieste come hub di ingresso di nuovi volumi marittimi provenienti dal Far-East”, conclude D’Agostino.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Sei Stati dell’Est contro il Primo Pacchetto Mobilità

    Sei Stati dell’Est contro il Primo Pacchetto Mobilità

    Secondo indiscrezioni provenienti dalla Francia, sei Paesi comunitari stanno presentando ricorso alla Corte di Giustizia Europea contro alcuni provvedimenti del Primo Pacchetto Mobilità, che riforma l’autotrasporto internazionale.

Logistica

  • Arcese potenzia la logistica in Romania

    Arcese potenzia la logistica in Romania

    La filiale rumena di Arcese Trasporti ha affittato una piattaforma logistica di 6500 metri quadrati nel parco logistico WDP di Dragomirești, dove è già presente con un impianto di 4500 metri quadrati.

Mare

  • Grendi potenzia ro-ro e logistica in Sardegna

    Grendi potenzia ro-ro e logistica in Sardegna

    Il Gruppo Grendi aumenta la frequenza della rotta per rotabili tra Marina di Carrara e Cagliari e conferma l'investimento sulla piattaforma logistica di Olbia, che si affianca a quelle di Cagliari e Sassari.