TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Società autotrasporto denunciata per contrabbando a Vittoria

E-mail Stampa PDF

La Guardia di Finanza di Ragusa ha concluso un'operazione contro il commercio illegale di gasolio che ha coinvolto due società, una di commercio e l'altra di trasporto. Dieci denunce e sequestro di tre autobotti.


Guardia Finanza autocisterna finanzieri botolaL'organizzazione sgominata dai Finanzieri acquistava gasolio agevolato per l'agricoltura e lo vendeva per l'autotrazione, con una frode sull'Iva e sulle accise di 91mila euro. L'operazione è stata avviata dalla Compagnia di Vittoria, che nel dicembre 2015 e febbraio 2016 ha fermato su strada tre autocisterne della stessa impresa di autotrasporto mentre viaggiavano con un carico di gasolio privo di una regolare autorizzazione. Quindi è iniziata un'indagine coordinata dalla Procura di Ragusa che ha svelato un articolato sistema di contrabbando basato su due società, una per il trasporto e l'altra per la vendita del carburante. L'organizzazione acquistava ingenti quantità di gasolio agricolo da depositi autorizzati, beneficiando quindi di accisa agevolata, per poi venderlo a venticinque aziende. Riusciva a farlo con la complicità delle aziende agricole che avevano diritto a questo carburante, cedendolo all'organizzazione.
I contrabbandieri ottenevano quindi la piena disponibilità del libretto U.M.A. delle imprese legittimate all'acquisto del gasolio agricolo, che così riuscivano a dimostrare un elevato consumo di carburante che permetteva loro di continuare a ricevere elevate quantità negli anni successivi, anzi riuscendo anche a riceverne in più. Una volta prelevato il gasolio, l'organizzazione falsificava i documenti di trasporto e non compilava i registri di carico e scarico, rivendendo così il carburante sul mercato nero. La Finanza stima che questo meccanismo ha permesso di vendere oltre 196mila litri di gasolio con un prezzo tra 0,70 e 0,72 euro al litro (mentre lo hanno acquistato a 0,52-0,55 euro al litro), con un guadagno per i venditori e un risparmio degli acquirenti.
Al termine dell'indagine, la procura ha notificato un avviso di garanzia per dieci persone, di cui cinque per associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi. Inoltre, la Finanza ha sequestrato 40mila litri di carburante non ancora venduto e tre autocisterne.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1854

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed