TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Accordo in Europa su emissioni camion

E-mail Stampa PDF

Il 19 febbraio 2019, la Commissione Europea e il Parlamento Europeo hanno trovato un accordo provvisorio sui limiti per la CO2 emessa dai veicoli industriali che saranno adottati dal 2025. I costruttori esprimono preoccupazione.


Autostrada A14 traffico camionLa nuova normativa sulle emissioni dei veicoli industriali ha compiuto un passo avanti oggi con l'accordo provvisorio raggiunto tra la Commissione Europea e il Parlamento Europeo. Il testo prevede che nel periodo compreso tra il 2025 e il 2029 i nuovi camion dovranno assicurare una riduzione delle emissioni di CO2 del 15% rispetto ai livelli attuali e dal 2030 ci sarà un'ulteriore taglio del 30%. I costruttori che non rispetteranno tali limiti dovranno pagare delle sanzioni. Questa è la prima volta che l'Unione Europea impone un limite alle emissioni di CO2, perché finora si è concentrata su quelle di particolato e Nox e questo provvedimento rientra nel contrasto al cambiamento climatico con lo scopo di raggiungere gli obiettivi stabiliti dall'Accordo di Parigi.
Oltre ai limiti per le emissioni di CO2, i legislatori intendono rinforzare gli incentivi per l'acquisto di veicoli industriali con basse o nulle emissioni di CO2, come per esempio quelli ibridi o totalmente elettrici. Secondo la Commissione Europea, i camion e gli autobus contribuiscono per il 6% alle emissioni totali nell'Unione. Il passo successivo per la nuova normativa è l'appoggio dei singoli Stati e l'approvazione degli europarlamentari, per poi passare all'adozione formale del Consiglio Europeo. Questa procedura dovrebbe completarsi prima della fine di maggio, quando decadrà l'attuale legislatura.
L'associazione dei costruttori di autoveicoli Acea esprime preoccupazione per questa decisione, perché il raggiungimento degli obiettivi non deriva solo dall'industria e perché i termini della riduzione mostrano percentuali su basi indefinite. Un elemento importante è la realizzazione d'infrastrutture per alimentare veicoli elettrici o con carburanti alternativi, che non dipende dall'industria automobilistica. Inoltre, l'Acea critica il meccanismo secondo cui dal 2025 sarà obbligatoria l'introduzione di una certa quota di camion a zero emissioni, obiettivo che non dipende dall'offerta di veicoli, bensì dalla domanda, che a sua volta dipende dalla convenienza economica e dalla presenza d'infrastrutture di rifornimento.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2708

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed