Primo piano

Podcast K44

Normativa

VW quoterà Man e Scania in Borsa

Dopo l'aggregazione dei marchi che producono veicoli industriali – ossia Man, Scania, Volkswagen Caminhoes & Onibus e Rio – nella holding Traton, creata la scorsa estate, Volkswagen vuole quotare in Borsa la nuova società. Un passo previsto da diversi analisti e confermato all'inizio di novembre durante la presentazione dei risultati relativi al terzo trimestre. Per prepararsi a questa mossa, Traton ha scorporato la attività per la produzione energetica, per concentrarsi solo sui veicoli industriali, sugli autobus e sulle soluzioni digitali per il trasporto. Traton ha quindi deciso di cedere l'intero capitale di Man Energy Solutions e il 76% di Renk.
Traton non ha ancora precisato i termini della quotazione, che dipenderanno dalle condizioni di mercato e dell'economia quando sarà presa la decisione definitiva. Secondo le agenzie di stampa, Volkswagen ha già incaricato alcune banche d'investimento di preparare l'offerta pubblica di acquisto e l'operazione potrebbe essere annunciata entro la prima metà del 2019.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Autotrasporto

Logistica

Mare

  • Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    Collegamenti traghetti a rischio per mancanza di liquidità

    La sospensione dei viaggi passeggeri sui traghetti causata dell’emergenza sulla Covid-19 può causare entro breve tempo il dissesto finanziario delle compagnie di navigazione, fermando anche il traffico merci. Assarmatori lancia l’allarme.