Array ( [0] => 36 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Schmitz completa gamma portacontainer in Turchia


Schmitz ha firmato un accordo con il Gruppo Koluman Otomotiv Endüstri (Koe), che è anche un partner di Daimler Benz con molti anni di esperienza nella produzione di veicoli commerciali. Non è una notizia di poco conto che il colosso tedesco stringa una collaborazione progettuale con un Gruppo industriale turco per estendere, perfezionare e soprattutto produrre ed esportare in tutta Europa la propria gamma di telai portacontainer S.CF. Ne è convinto Andreas Schmitz, presidente del consiglio di amministrazione di Schmitz Cargobull: "Da quest'anno reintegreremo nei nostri listini tutta una rinnovata serie di telai fissi ed estensibili da 20 a 45 piedi ".
recentemente, Koe ha recentemente completato un nuovo stabilimento nella parte asiatica del paese, a Mersin: "Questa fabbrica è costata 60 milioni di euro, ha una estensione totale di 312mila metri quadrati, di cui 78mila coperti", spiega Kaan Saltik, presidente di Koe. £Siamo in grado di produrre 15mila mezzi all'anno con 511 addetti, fra portacontainer, mezzi civili e militari, spazzatrici, betoniere, ribaltabili e betonpompe". Il volume di produzione per i portacontainer dovrebbe raggiungere le mille unità all'anno entro il 2021. "Il processo di produzione è progettato al 100% secondo i nostri standard per garantire la qualità richiesta. I nostri clienti acquisteranno veicoli originali Schmitz Cargobull", aggiunge Schmitz.
La fabbrica turca ha possibilità di ulteriore espansione, una produzione flessibile, decine e decine robot e sistemi di automazione di ultima generazione, un impianto di cataforesi e una logistica efficiente, con collegamenti su ferrovia, strada e mare per l'esportazione in Europa. "Abbiamo tutte le certificazioni necessarie" aggiunge Saltik: "Iso 9001-2015; Iso 14001:2014; Iso 27001-2017; Ohsas 18001 e Iso 3834-2. In generale ci avvaliamo fra tutte le nostre sedi (Russia, Germania e Turchia) di 1.310 addetti e abbiamo registrato nel 2018 un fatturato di 405 milioni di euro. Schmitz Cargobull offrirà tre veicoli della serie S.CF: S.CF Gooseneck 45 'Euro Light, S.CF Gooseneck 45' Euro e S.CF Gooseneck 40 'LX.
Il fatturato 2017-2018 della Schmitz ha toccato i 2.173 milioni di euro e nel 2018-2019 si prevede salga a 2.300 (+ 11%). I mezzi prodotti da 43.978 nel 2014-15 sono saliti a 61.256 nel 2018 e si prevede nel 2019 di arrivare a 65.000 (+12%). I dipendenti sono attualmente 6.756 (+7%), erano 5.158 nel 2014. Insomma, l'Elefante continua a fare passi da gigante e si prepara a restare in cima alla lista degli allestitori europei per molto tempo ancora. "Stiamo guidando il mercato generale in tutti i segmenti in cui offriamo prodotti", conclude Schmitz.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Etsc chiede più sicurezza per i veicoli industriali

    Etsc chiede più sicurezza per i veicoli industriali

    Secondo un rapporto dell’European Transport Safety Council, un morto sulle strade europee su quattro è avvenuto in incidenti stradali che hanno coinvolto i camion. L’organizzazione chiede regole più stringenti per la sicurezza dei veicoli pesanti.

Logistica

Mare